Ristorante Cap'alice (Napoli)




RIASSUNTO: fresella di Castellammare, crema di zucca, uovo di quaglia e pecorino (slegato e troppo denso; l'uovo svanisce nel sapore del formaggio); capafritto: alici impanate al pecorino e basilico, pesce bandiera e arancino di cuscus (non oleosi, ma troppo secchi); maialino nero croccante con chutney d'uva e verza saltata (saporito, contrastato; fresca e consistente la verdura); linguine alla "mangiamaccheroni" con carciofo croccante (gustose, anche se troppo sapide nonchè "azzeccose"); gnocchi parigini "confit", crema di friarielli, colatura di alici e pane al pomodoro (mosci gli gnocchi; monotematico il gusto); baccalà glassato alla "papaccella" con insalatina di rinforzo (ottima quest'ultima, ma buono anche il merluzzo nonostante una panatura non al top); capocollo ai ferri con salsa di pistacchi e galletta di patate e broccoli (anche questo troppo secco); tiramisù al cioccolato (goloso, anzi, sporcaccione; peccato sia un po'dolciastro); carta dei vini  davvero originale ed onesta; personale cordiale e mediamente qualificato; ambiente studiato e caratteristico.

OPINIONE CONCLUSIVA: i difetti ci sono eccome, ma anche tante idee e prospettive interessanti. L'apertura è troppo recente per aspettarsi i fuochi d'artificio fin d'ora, nondimeno l'osteria è simpatica, specialmente nella realtà partenopea tutt'altro che entusiasmante. Trovando la giusta identità in cucina (c'è troppa confusione tra etnicismi e tradizione) e aumentando raffinatezza ed esperienza, sono certo che il risultato sarà senz'altro meritorio.

INFO:
Via G. Bausan, 28
80121 Napoli
Tel. 081 1916 8992
Prezzo: 40 euro circa a persona (vini esclusi)


DSC_0774 DSC_0814 DSC_0833 DSC_0836 DSC_0839 DSC_0847 DSC_0858 DSC_0886 DSC_0776 DSC_0812 DSC_0840 DSC_0895 DSC_0872 DSC_0885

DSC_0889DSC_0894 DSC_0779 DSC_0778 DSC_0801 DSC_0781 DSC_0799 DSC_0800 DSC_0802 DSC_0804 DSC_0807 DSC_0808 DSC_0809 DSC_0810 DSC_0788 DSC_0789 DSC_0791 DSC_0792 DSC_0798

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù