Ristorante Villa Maiella (Guardiagrele, CH)




RIASSUNTO: vitello al pepe aromatico Sarawak (non il massimo, anche dall'aspetto, per iniziare una degustazione); l'asparago e l'uovo (la presentazione lascia a desiderare, ma le materie prime sono di qualità); scaloppa di foie gras con purea di patate al profumo di nocciola (saporito e ben cotto il foie gras, il resto è più di scena che di contributo); ravioli di burrata allo zafferano (la sfoglia è ben tirata, ma il gusto complessivo è monocorde); chitarrina con asparagi selvatici e pomodoro candito (piatto molto delicato, probabilmente troppo; ad ogni modo la pasta è al dente e si lascia mangiare con piacere); battuta di agnello croccante al timo su crema di Canestrato di Castel del Monte (l'agnello in sé è squisito, ma la panatura lo arrozzisce inutilmente); le vie della transumanza: mandorle, pere e amarene (dessert bilanciato e non eccessivamente dolce); carta dei vini interessante e ben prezzata; personale cortese e professionale guidato dal bravo Pascal; ambiente un po' datato.


OPINIONE CONCLUSIVA: mi aspettavo qualcosina in più da questo ristorante stellato abbruzzese, ma il risultato è comunque positivo in virtù di materie prime davvero fresche e genuine. Si avverte, di contro, mancanza di innovazione e raffinatezza per piatti il più delle volte senza mordente. Calando i prezzi potrebbe configurarsi come una trattoria di alto livello.


INFO:
Via Sette Dolori, 30
66016 Guardiagrele (Chieti)
tel. 0871 809319
prezzo: 50 euro circa a persona

































Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù