Ristorante Apollo (San Michele di Serino,,AV)




RIASSUNTO: pizza con ricotta di Montella, mozzarella, alici e fiorni di zucca (rimando il giudizio accurato ad una prossima recensione della pizzeria del locale; ad ogni modo ho gradito più gli ingredienti a chilometro zero che la pasta in se'); caciocavallo di Bruna Alpina, pancetta tesa e soppressata nell'intestino (i salumi sono genuini e conservano un gusto antico, mentre il formaggio è gradevole); rape e patate (il piatto ha un aspetto contadino e risulta saporito; le foglie di verdura mantengono una bella consistenza mentre le patate non sono poltigliose); scialatielli con salsicce, broccoli e porcini (al dente la pasta fatta in casa; il sugo è ben dosato e bilanciato nel gusto; la grattata di ricotta salata di Montella è una scelta azzeccata); tegamino di terracotta con provola, salsicce e porcini (purtroppo mancava il pollastro e l'agnello, quindi ci siamo rifugiati nel maiale macellato dagli stessi proprietari del locale, dal sapore verace e battagliero con la provola; peccato per i troppi elementi in comune col primo piatto, che hanno reso il tutto più monotono del previsto); tiramisù con amaretti (fresco, ma molto casalingo); leggerino e immediato l'aglianico della casa tratto dal vigneto di proprietà.


OPINIONE CONCLUSIVA: Amelio Petrucciani è persona dalla rara umanità e cortesia, che ha dovuto abbandonare la passione da geologo per occuparsi dell'azienda di famiglia alla morte dell'amato nonno. Tralasciando la pizzeria, che non mi ha convinto appieno, ma è in procinto di rinnovare il forno, mi sembra una solida trattoria di provincia, caratterizzata da gusti netti, materie prime paesane e prezzi davvero onesti. Quarant'anni di storia alle spalle e una santa mamma in cucina controprovano il buon risultato.


INFO:
via Roma,13
83020 San Michele di Serino (AV)
tel. 0825/595034
prezzo: 25 euro circa a persona


























Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù