Ristorante Baccalaria (Napoli)




RIASSUNTO: ceviche di baccalà con puntarelle (un'insalata con baccalà marinato; carino il gioco di consistenze con la verdura croccante; il sapore sarebbe gradevole ma la salsa di soia sbilancia un po' il tutto); mussillo spagnolo in umido, vellutata di ceci e olio profumato all'alloro (il merluzzo ha un gusto molto delicato, la vellutata dà morbidezza al piatto e l'olio infonde una certa personalità al tutto); ravioli di baccalà e patate con sugo alla livornese (sottile la sfoglia della pasta, saporito e leggero il ripieno; il sugo è ben bilanciato col resto); stoccafisso alla "cannaruta" secondo Ippolito Cavalcanti (nella ricetta originale ci sarebbe il baccalà,ma lo stoccafisso funziona bene e si lascia apprezzare appieno; le cipolle non sono per nulla invasive e accompagnano il piatto con sobrietà; torta "Setteveli" al cioccolato (di pasticceria, ma la qualità è buona); cantina in allestimento; personale cortese e mediamente professionale; ambiente studiato; location centrale.


OPINIONE CONCLUSIVA: Una trattoria di solo baccalà e stoccafisso in una piazzetta storica che fa riferimento agli antichi "Sedili" cittadini, istituzioni amministrative del passato. L'idea è interessante e il risultato pure: merito della cucina di Vincenzo Russo che seleziona particolari materie prime spagnole e le prepara con mano gentile e un pizzico di creatività. La tradizione è rispettata; palato e portafoglio pure.


INFO:
Piazzetta di Porto 4
80129 Napoli
Tel. 081-0120049
Prezzo: 30 euro circa a persona


Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù