Ristorante La Galleria (Gragnano, NA)

RIASSUNTO: si inizia con degli appetizer piuttosto puliti; elica con salsa di ostriche e caviale (simpatico, ma un'ostrica meno liquida avrebbe sicuramente legato di più con la pasta; ad ogni modo il sapore c'è); scarole, fagioli, cotechino e gamberi rossi (gradevole il gusto dei singoli elementi, ma i gamberi danno l'impressione di essere un po' slegati col resto; la consistenza delle scarole è moscetta per i miei gusti); polpo cotto in casseruola con pane e verdure croccanti (le verdure hanno buona consistenza, ma non aggiungono nulla al risultato finale; il polpo è saporito e ha una giusta densità); uova in purgatorio e tartufo bianco (uova e tartufo sono un classico in cucina e in questo caso la preparazione è garbata, con le cipolle a dare consistenza senza risultare invasive); pasta patate e ricci (la pasta è al dente; buona sinergia tra patata e riccio, coi gusti a fondersi in maniera opportuna; le chips rendono il gusto meno elegante); rombo chiodato, millefoglie di patate e sedano rapa (qui si vede affiorare l'impronta un po'retrò da Istituto Alberghiero, tuttavia il sedano rapa aggiunge una nota interessante a un piatto altresì caratterizzato da un rombo carnoso oberato dal pepe); ossobuco inverso, con salsa di provola e cipollotto grigliato (il sapore della carne è piacevole e riceve un buon contrappunto dalla crema di provola; la patata esterna non brilla dal punto di vista estetico e, tutto sommato, la vedrei sostituita con qualcosa di più interessante e gustoso); babà (il sapore è buono, ma si sfalda...); ricca selezione di dolcezze finali, cioccolatini e creme; cantina da arricchire; personale cordialissimo, ma ancora acerbo; location centrale; ambiente freddino da arricchire immediatamente con quadri e suppellettili di personalità.


OPINIONE CONCLUSIVA: Giulio Coppola è un giovane chef dal carattere davvero gentile, che ha capitalizzato al meglio l'esperienza lavorativa più importante della sua formazione fatta dallo chef Antonino Cannavacciuolo di Villa Crespi. Le lacune ci sono ancora, ma il ragazzo non difetta dei fondamentali e ha l'umiltà giusta per migliorare con esperienza e sacrificio. Intanto il rapporto qualità/prezzo del suo locale è davvero vantaggioso, con prodotti di grande qualità (l'uovo con tartufo bianco a soli 10 euro) e alcuni extra offerti gratuitamente al cliente.


INFO:
Via Pasquale Nastro, 29
Gragnano Napoli
Telefono: 081 873 3029
Prezzo: dai 25 euro in su


Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù