La cucina di Giuseppe Guida

Giuseppe Guida è in un momento d'oro. L'Antica Osteria Nonna Rosa va alla grande, colombe e panettoni del figlio Francesco vanno a ruba, le consulenze fioccano e Giuseppe Di Martino lo ha scelto come rappresentante del suo Pastificio dei Campi negli eventi che organizza con chef di tutto il mondo. Il successo, tuttavia, non è giunto da un momento all'altro. Tanti sono stati gli anni di gavetta, così come le persone che non credevano in lui e nel suo progetto, gli stessi che ora si mordono la lingua. La sua cucina è piaciona, consolatoria, morbidosa, ma con quel guizzo raffinato che la rende unica e gradevole a tutti, dal gourmet più esigente ai neofiti in cerca di novità stanchi della solita minestra. Le materie prime che usa sono chiaramente al top e l'orto di proprietà è un valore aggiunto per avere verdure sempre fresche e salutari. In foto ci sono alcuni piatti del menù nuovo insieme a qualche classico che non può mancare in una degustazione ad hoc. Last not least i complimenti a tutto lo staff, a partire da Lella, Gigi, Eduardo.


Sauro bianco, fave alla scapece, sale al lime e polvere di gamberi

Seppie piselli e mandarino

Cinque consistenze e temperature di Provolone del Monaco

Spaghetti con limone, olio, Parmigiano e seppie all'arrabbiata

Ravioli ai sentori di primavera

Baccalà, cipollotto, limone e mele annurche

Come una Santa Rosa


P.S. Se non vedete tutte le foto basta ricaricare la pagina.


Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù