La Maschera Locanda d' autore (Avellino)

PRO : Onestà e convenienza ad alti livelli, specialmente con i menù degustazione: per "quasi" ogni tasca; bruschetta con olive Raveci (già conosciute dai Romani e dalle proprietà medicamentose) e aceto (equilibrata), zuppa di cipolle ramate di Montoro (delicata e raffinata); ziti alla Genovese (saporiti e al dente: sembra scontato, ma non è poi così frequente);baccalà al cartoccio (gustoso e genuino); dolci eccellenti ("facciamoci del male" al triplo cioccolato inneggiante la mitica sacher di Nanni Moretti; "mamma africa" dal gusto insolito vagamente esotico; "esplosione di cassata" fresca e dalla sfoglia leggerissima); servizio molto cortese e professionale (con i fratelli proprietari Gino e Ciro Oliviero); selezione stratosferica di distillati, principalmente whisky scozzesi; cantina eccellente (con alcune bottiglie pluridecennali) offerta a prezzi onesti; ambiente molto elegante e curato; cortile interno risalente al 1200 e comprensivo di autentca casa normanna adibita alla stagionatura dei formaggi.

CONTRO : Nulla in particolare; più che demeriti parlerei di piatti non al livello delle altre eccellenze (come la pasta radicchio e noci poco incisiva o l'impersonale sartù di riso con porcini e capocollo).

GIUDIZIO COMPLESSIVO: una certezza in quel di Avellino, supportata da cucina raffinata e dettagli all'altezza della situazione. A prescindere dalla spiccata convenienza, potrebbe tranquillamente competere con ristoranti ben più costosi e (spesso a torto) sponsorizzati. Consigliato agli amanti della cucina di terra; tappa obbligata per gli amanti del whisky.

INFO:
Rampa san Modestino, 1
Tel. 0825.37603
Prezzo : da 30 euro a persona (esclusi vini)

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri