Nautilus (Varcaturo, NA)

RIASSUNTO: standard, ma onesti gli antipasti freddi: palamita affumicata, spigola al limone, cocktail di gamberi, insalata di mare; più sfiziosi gli antipasti caldi: fritturina di seppie e verdure (croccante e non oleosa), crosta di pane con filetto di mormora (valido il gioco di consistenze), tonnetto sfilettato in padella con friarielli (purtroppo inficiato da una cottura prolungata); saporiti i rigatoni con cozze e pecorino di laticauda, quantunque il formaggio, anche per qualità intrinseca, risulti un po'invadente (gradevole, ad ogni modo, la cottura al dente della pasta e la sugosità complessiva); fresco e piacevole il pesce spada alla griglia (anche se l'avrei preferito leggermente meno cotto) con pomodori cuore di bue alla menta (freschi); ben fatto il babà alla crema (nonostante quest'ultima risulti un po' troppo carica); pani modesti; cantina estremamente interessante e conveniente (ma non c'è la carta dei distillati); personale mediamente professionale (inversamente al Patron, emergente per affabilità e savoir faire); ambiente caratteristico (un tripudio di lucente acciaio inox, degno d' imbarcazione oceanica), non particolarmente raffinato, ma durevole e pulito.

OPINIONE CONCLUSIVA: Francesco d'Alena spicca per integrità e competenza. La sua proposta gastronomica, certamente poco innovativa, risulta altresì inaspettatamente funzionale, sia per merito di una buona materia prima, che per un rapporto qualità/prezzo indubbiamente lodevole (la degustazione di mare, a 35 euro, è anche divisibile tra due commensali); senza contare l'intrigante offerta enologica e il palese eroismo nel resistere in una zona tanto complessa e bistrattata...

INFO:
Via Ripuaria, 256
80014 Varcaturo di Giugliano in Campania (Napoli)
Tel. 081/8392006
Prezzo: 30/35 euro a persona (vini esclusi)

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri