Locanda delle trame (Caserta)




RIASSUNTO: cannoletti salati (friabili e sfiziosi); carpaccio di ricciola con pomodorini, mandorle e frutto della passione (raffinato e delicato); astice e sgombro su crema di patate e provola (equilibrato e gustoso); tagliolino all'uovo in finta carbonara, guanciale di baccalà e bottarga (non particolarmente incisivo, ma la pasta fresca è strepitosa); triglia ripiena e funghi porcini (succulenta e carnosa); sorbetto all'Asprinio d'Aversa e limone (rinfrescante); morbido al cioccolato bianco con dacquoise al pistacchio e salsa al caffè (golosamente artistico); sofisticati i pasticcini finali; sinfonia di pani di prim'ordine; carta dei vini colpevolmente fantasmatica (troverete minuscola parte di quanto vi è scritto); personale in grandissimo affanno; ambiente esterno gradevole, interno da rivedere.

OPINIONE CONCLUSIVA: è scandaloso che i media diano così poco spazio ad uno Chef virtuoso e creativo come Giuseppe Daddio, sponsorizzando, magari, ciarlatani e impostori che ignorano cosa sia il lievito madre o si lasciano strutturare parte del menù da terzi meglio istruiti; detto questo, il rapporto qualità/prezzo del locale in oggetto è davvero vantaggioso: non tanto per le pur materie prime lodevoli, quanto per la possibilità di provare una cucina di tale competenza.
P.S. Approcciate la situazione consapevoli di dover chiudere un occhio su servizio e cantina.

INFO:
Via Maria Sofia di Baviera, 1
San Leucio - Caserta
Tel 0823/304055
Prezzi: 45 euro circa a persona (esclusi vini)


Cannoli salati

Carpaccio di ricciola con pomodorini, mandorle e frutto della passione

Astice e sgombro su crema di patate e provola

Tagliolino all'uovo in finta carbonara, guanciale di baccalà e bottarga

Triglia ripiena e funghi porcini


Sorbetto all'Asprinio d'Aversa e limone

Morbido al cioccolato bianco con dacquoise al pistacchio e salsa al caffè

Sinfonia d'arte biancaLo chef Giuseppe Daddio con il pane di lievito madre appena sfornato

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri