Taverna Estia...una stella "vera"




In seguito ad alcuni avvistamenti di nuove stelle più o meno luminose (ma c'è chi giura si tratti più di meteore...), ho pensato di recarmi in un ottimo punto d'osservazione, per fissare in memoria un astro ben saldo e lucente, Francesco Sposito, che con la sua arte culinaria mi ha fornito le seguenti coordinate celesti per meglio destreggiarmi in futuri confronti siderali...


Aperitivo “prêt-à-manger”:
Chips di riso con formaggi e alghe marine; spiedo di capasanta e rapa bianca; bon-bons di minestra nera e di latte fritto; tartelletta con stoccafisso mantecato e cipolla rossa di Tropea; sandwich ai semi di papavero con lardo di maialino nero Casertano.

Entrée:
Bignè al nero di seppia farcito con ricotta di pecora su salsa di peperoni.

Antipasti:
Pesce azzurro marinato, servito con zucchine alla scapece, emulsione al limone e insalatina di tuberi; verza, fagioli cannellini di Acerra e cotechino artigianale.

Primo:
Ravioli di pasta all’uovo farciti con ragout di cernia bianca ed erbe aromatiche, su salsa di ostriche, gamberi viola e petali di cipolla rossa confit.

Secondo:
Variazione di maialino nero Casertano (carré, spalla, cotichetta e crepinette) cotto a bassa temperatura nel suo ristretto, su salsa di friarielli, papacelle e mostarda di mela annurca.

Pre dessert:
Parfait di liquirizia Amarelli, salsa di zucca confit alla vaniglia e croccante di mandorle.

Dessert:
Creme Brulé alla vaniglia di Tahiti, servita con confettura di arance al cardamomo; flan di limoni e mandorle con sensazioni fredde agli agrumi, croccante di riso soffiato e gelato morbido al latte.

Piccola Pasticceria:
Baci di dama; macarons al cioccolato Guanaja Valrhona; cannoletti con crema al limone; tartellette con crema al caramello, fragoline e mentuccia; morbido gelée al cioccolato bianco e caffè; cartucce napoletane con farina di mandorle.


2a

3a

6a

7a

10a

11a

12a

13a

14a

15a

18a

17a

19a

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Flauto di Pan in Villa Cimbrone a Ravello; recensione

Ristorante L'Olivo del Capri Palace; recensione

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco