Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Oasis Sapori Antichi (Vallesaccarda, AV)

Immagine
RIASSUNTO: vellutata di verdure con pralina di patate e provola (densa e verace); zuppa di castagne, funghi, fagioli e fave di cacao (gradevole e inizialmente equilibrata, ma appena sgranocchiati, i pezzetti di fava prendono il sopravvento); zuppa di cipolle gratinate al caciocavallo di vallata (molto delicata; formaggio saporito; manca un po' di consistenza); ravioli di ricotta, salsa di noci ed aglio bruciato (appagante la persistenza gustativa della frutta secca); ravioli di burrata ed erbette, manteca campana e tartufo nero irpino (ripieno morbido e davvero bilanciato col fungo); agnello irpino in cottura tradizionale, purea di patate affumicate al legno di faggio e mosto cotto di aglianico (sapientemente congegnato nei contrasti; l'ovino è particolarmente gustoso); cremino allo yoghurt di bufala (goloso) e piccola pasticceria (corretta); tartella di frolla con ricotta mantecata, pere spadoni e gelato di liquirizia Amarelli (raffinata e piacevole; l'estratto di radice …

Rosanna Marziale chef dell'anno!

Immagine
Tutti sanno quanto apprezzi Rosanna dal punto di vista umano e professionale.
Ho espresso più volte sgomento e rabbia per la tardiva legittimazione a livello regionale e nazionale del suo talento lampante.
Ora, finalmente, il sondaggio di "Italia a Tavola" ne ha decretato la vittoria come chef dell'anno, a scapito di ogni manovra di mercato o interesse e a favore della semplice arte culinaria.
"Eureka!", dunque, esclamerebbe anche Archimede, brindando metafisicamente con noi in questa splendida serata di lieti festeggiamenti con amici sinceri!




























Ristorante Com'era (Meta, NA)

Immagine
RIASSUNTO: “pappaccella” ripiena di tonno (omissibile); caponata di mare (ricca e variegata, ma priva di contrasti gustativi); minestra di grano e ceci con gamberone scottato (piacevolmente delicata; eccellente il crostaceo); bolognese di polipo (tutto sommato equilibrata, anche se il cefalopode meriterebbe più presenza; pasta al dente); totano ripieno di pane e provola (ottimo il mollusco per consistenza e sapore; peccato per il ripieno moscio); frittura di paranza (freschissima e non oleosa); dessert preparati con grande cura e maestria (c'è lo zampino di Fumiko!): caprese con salsa alla vaniglia e crostatina con crema pasticciera e mela annurca; carta dei vini minuta, ma davvero onesta; personale garbato e mediamente professionale; ambiente accogliente (bonus per il camino).

OPINIONE CONCLUSIVA: Il nuovissimo locale dei fratelli La Ragione (di cui Salvatore è sous-chef di Gennaro Esposito alla Torre del Saracino) ha ampi margini di miglioramento in termini di raffinatezza e …