Passa ai contenuti principali

La Marchesella (Giugliano, NA)




RIASSUNTO: lardo battuto con peperoncino (sapido, ma untuosamente vistoso); zuppetta di fagioli cannellini e dadolata di seppie (equilibrata nonchè saporita); alici fritte sale e pepe (fresche e stuzzicanti); involtino di pesce bandiera con provola di Agerola (quest'ultima si impone un po' troppo, ma il risultato è comunque piacevole); bocconcino di patate con salsicce e friarielli (suadente, ma un po'soft); polpettina di ricotta, noci e nocciole (scarsamente memorabile); gnocco fritto mantovano con pancetta (altamente godurioso); pasta e patate (apprezzabile, quantunque leggermente cruda); gnocchi con fonduta e porcini (gustosi e soavi); gnocchi alla sorrentina (bella consistenza e bilanciamento col sugo); stocco all'insalata (l'olio abbonda, ma il merluzzo risulta carnoso e gradevole); gelato alle noci con nocillo (rinfrascante e caratteristico); personale molto cortese; selezione interessante di vini e distillati; ambiente ampio ed austero; chi mi spiega perchè manchi il menù?

OPINIONE CONCLUSIVA: Gena Iodice torna alla storica sede di via Marchesella, portando con se' ricette semplici, tradizionali, ma preparate con criterio e impalpabile raffinatezza. Dopo una serie di alti e bassi ho l'impressione che stavolta il progetto sia sui binari giusti e, tra non molto, potremmo parlare di un grande rilancio per questa famosa trattoria giuglianese, fin d'ora interessante per il rapporto qualità/prezzo.

INFO:
Via Marchesella, 184
Giugliano, (Napoli)
Tel. 081/8945219 - 333/6878357
Prezzo 35/40 euro circa a persona


3

4

5

6

7

8

9

11

13

14

16

17

10

12

115

2


























Commenti

  1. Risulto perverso nell'affermare che quella pasta e patate mi eccita letteralmente...e non solo?

    Forza Gena e Ciccillo :)

    (Avete capito chi sono..l'amico cerusico)

    RispondiElimina
  2. uuuhlalààà Rubesco e S. Giorgio Lungarotti...1997 aaah Davide Davide sempre più spendaccione ;)

    Complimenti per l'articolo conciso,curato e rispondente.

    Sono stato a cena da Gena questa sera,ho bevuto un Cecubo Villa Matilde e sono rimasto entusiasta ed allibito dalle tecniche spiegazioni del giovanissimo Francesco(circa i piatti e la trascrittasi inversa di un retrovirus)..che aldilà di una giacca un pò troppo..oserei dire ''policromatica'' subito mi è risultato simpatico..conquistando totalmente la mia stima..dopo avermi in una incredibile spirale degustativa di rhum dolcemente e ''trigliceridalmente'' accompagnata da cioccolato belga!

    Buona fortuna...e ricordate..spesso bisogna toccare il fondo per darsi più slancio!

    Dott. Pierantoni

    RispondiElimina
  3. Ragazzi...un solo commento per questa banda di ristorATTORI da palcoscenico del gusto.

    WOW!

    Ho passato la pasqua alla compagnia del ragù ovvero marchesella???mah..fate un poco voi,fatto sta che mi ci hanno portata e se non fosse stato per questo mio caro amico non avrei mai scoperto questo piccolo angolo di paradiso..POCO PUBBLICIZZATO..l'unica critica che posso muovere a questa fantastica combriccola di ristoratori è che probabilmente che pensano troppo al lavoro..e poco alla promozione del proprio operato!

    Una cosa resta,una minestra maritata così è da quando ero un cucciola che non sono più riuscita a mangiarlala!..complimenti alla signora Gena e a Tommaso.

    ***10 punti al ciuffo del bellissimo Francesco :)..baci Marina

    RispondiElimina
  4. Mi piace la cucina di Gena Iodice perchè propone gusti incontaminati in cui gli ingredienti tendono a mantenere la loro identità gustativa ed i loro colori. Bravissima lei ed il suo staff

    RispondiElimina
  5. Forza LA MARCHESELLA (Alias Compagnia del ragù)preciso,a scanso di equivoci con altre semi-omonime e "fenestralmente verdastri d'invidia" risto-trattorie.
    Per una realtà ristorativa così perfettamente espletata da uno staff di giovanotti e giovanotte..(nota d'autore per la chef Genoveffa)..oserei dire tra le migliori qui a Giugliano,non vedo altro commento se non un bel mmmm..di compiacimento.
    Un locale che trascende da ogni voto,per quanto riguarda cortesia e accoglienza da sempre punto di forza di come la definisco io "la famiglia ai fornelli", oltre all'inesplicabile perfezione gustativa dei loro piatti..che però debbo bocciare dal punto di vista decorativo!
    Anche se a me,e adesso risulterò probabilmente superficiale in tale espressione vernacolistica.."A' ME ME PIAC' A'SUSTANZ!" :)


    Recensione perfettamente rispondente complimenti a Davide(Come al solito)
    PS: Un abbraccio al mio farmacista preferito ;) Luisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù

1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”. Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso. Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotand…