Luciano Pignataro Wineblog copia Ristoranti Campani di Davide Ricciardiello

Numerosi lettori mi hanno segnalato che, in data 28 Marzo 2012, una certa Tonia Credendino ha operato su "Luciano Pignataro Wineblog" un plagio parziale della mia recensione "Antica Osteria Nonna Rosa", risalente al 2 Febbraio 2011.
Ecco le parti copiate, nonchè le foto come prova lampante:

Davide Ricciardiello (2 Febbraio 2011):
"polpettina al ragù su fior di ricotta (estremamente delicata, ma, al contempo, sapida)"

Tonia Credendino (28 Marzo 2012):
"polpetta di Nonna Rosa su mousse di ricotta e vellutata di pomodoro, dal sapore estremamente delicato, ma sapido al contempo"

Davide Ricciardiello (2 Febbraio 2011):
"fastoso il dessert: cioccolato in cinque consistenze (un vero tripudio di cacao, declinato con eleganza e salvaguardia della golosità); standing ovation per la graffetta calda"

Tonia Credendino (28 Marzo 2012):
"Fastoso il dessert Cinque consistenze di cioccolato fondente, un tripudio di cacao, declinato con eleganza e salvaguardia della golosità ci accompagnato verso una standing ovation con le graffette calde"

Davide Ricciardiello (2 Febbraio 2011):
"menzione d' onore a Edoardo e Luigi, davvero una coppia vincente"

Tonia Credendino (28 Marzo 2012):
"Mensione speciale alla varietà di vini, sapientemente selezionati e raccontati dal sommelier Luigi"

Davide Ricciardiello (2 Febbraio 2011):
"Una Signora Osteria"

Tonia Credendino (28 Marzo 2012):
"Una Signora Osteria"


Queste sono le due recensioni complete:
http://ristoranticampani.blogspot.it/2011/02/antica-osteria-nonna-rosa-vico-equense.html?utm_source=BP_recent
http://www.lucianopignataro.it/a/vico-equense-na-antica-osteria-nonna-rosa-promessa-di-matrimonio-gourmet/39922/


E questo è il link che prova il mio copyright sul testo in questione, registrato in data 2 febbraio 2011:
http://myfreecopyright.com/registered_mcn/BAKPN-5LWHU-QLD4H/February_2011/QTE4V-DNCV2-PT4EL


Prova


Prova3

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri