Passa ai contenuti principali

Marennà (Sorbo Serpico, AV)





RIASSUNTO: insalata di gamberi con "per e muss" (incredibilmente delicata, valutandone la componente suina); mantecato di baccalà con patè di olive nere, pane croccante al nero di seppia e spuma di patate (equilibrato e saporito); zeppola di baccalà, gemme di carpione e verdure di stagione (consistente il merluzzo; intrigante il gioco dei contrasti); pasta, patate e...fumo (un piccolo gioiellino concettuale); raviolo di pasta all'uovo ripieno di formaggio di pecora con fave, guanciale, pecorino e zabaione (leggiadra rivisitazione della carbonara); tagliolino ai 30 rossi con ragù di conoglio in bianco (bilanciato, ma leggermente sottotono rispetto alle altre portate); pancetta di maialino da latte, composta di limone di Sorrento e cipollotto nocerino (stuzzicante e cotto a puntino, nonostante il forte sentore agrodolce potrebbe non piacere a tutti); sorbetto all'arancia con brioche (coccoloso); fragolata: tartare e zuppa di fragole, con sorbetto allo yoghurt ed olio al mandarino (suadente, goloso e sinfonicamente strutturato); carta dei vini minuta, ma interessante; servizio cortese e professionale (un plauso ad Angelo Nudo, sommelier dall'ottima cultura enologica, nonchè grande abilità negli abbinamenti); ambiente estremamente moderno.

OPINIONE CONCLUSIVA: Paolo Barrale rientra, non a caso, tra i miei Chef preferiti. La sua cucina è di una leggerezza incredibile, che sazia ma non gonfia; ed ogni suo piatto è un concerto di elementi disparati, ma sintetizzati con logica e gusto. Rispetto all'anno scorso ho trovato anche dei sapori più spinti, particolare che non mi dispiace affatto ed, anzi, sottolinea la fusione fra materia e spirito che il nostro sembra ricercare ed operare con sempre maggior successo.

INFO:
Via Provinciale Turci 1
83050 Sorbo Serpico (Avellino)
Tel. 0825-986666
Prezzo: 50 euro circa a persona


11

13

14

17

18

20

21

24

25

27

4

7

23

19

16

15

1
22

26

5

6

8

9

10

2























3






























































Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…