Osteria di Città del Gusto (Napoli)




RIASSUNTO: entrées stuzzicanti e ben confezionate: bruschetta con alici marinate e pomodoro, gambero in pasta cataifi con maionese di mare, julienne di seppioline con sfoglia di pane croccante, olive ascolane ripiene di pesce bandiera; carpaccio di marchigiana con puntarelle (gradevole al gusto; funzionale il gioco di consistenze); cavatelli fatti a mano con sugo di crostacei (il piatto è saporito e la pasta al dente, ma il pomodoro predomina sbilanciando il risultato finale); totani in guazzetto su fresella (carnoso il mollusco, ma, il sugo è nuovamente caratterizzante e invasivo); tiramisù in coppa (suadente e dolce al punto giusto, peccato per la fragola al limone un po'aspra); croccante il pane cotto a legna; manca la carta dei vini, ma i prezzi sono onesti; personale cortese e mediamente qualificato; ambiente ampio e visivamente appagante.

OPINIONE CONCLUSIVA: un'osteria moderna e interessante, sorretta dal buon rapporto qualità/prezzo e dall'interessante selezione di vini premiati. La cucina di Giovanni Pastore è sincera, con sapori netti, ma non proprio raffinati. Gli appetizers hanno una marcia in più in termini di creatività.

INFO:
Via Coroglio, 57/104
80124 Napoli
Tel. 081\19808902
Prezzo: 35 euro circa (vini esclusi)


2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

113

14

15

16

17

18

19

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri