Passa ai contenuti principali

Torre del Saracino (Vico Equense, NA)



Abbinare creazioni culinarie a grandi classici dell'arte contemporanea? Si può fare, ma solo al cospetto di protagonisti assoluti come Gennaro Esposito, chef della Torre del Saracino a Vico Equense.

Cozze ripiene di fior di ricotta e purea di melanzane con pomodori canditi: "Nudo sdraiato a braccia aperte" di Amedeo Modigliani; per la morbidezza suadente, la femminilità materna, il legame teorico col formalismo scultoreo.

Zuppa di arance di corbara, peperoncino verde di fiume ripieno di murena, calamari e bottarga: "Donna con calze verdi" di Egon Schiele; per i contrasti marcati, il nervosismo latente, l'irrequietudine cromatica.

Anguilla laccata alla melassa di fichi del Cilento, grano soffiato, arancia candita e salsa piccante di agrumi: "La vestizione della sposa" di Max Ernst;  per la sovrapposizione dei piani sensoriali, l'interferenza temporale, l'associazione inattesa d'elementi eterogenei.

Pappardelle di grano duro con cozze alla saracena: "Monumento alla III Internazionale" di Vladimir Tatlin; per la sintesi geometrica di forma e sostanza, la riduzione di elementi consueti a una complessa unità sistematica.

Risotto al pomodoro cuore di bue con limone candito, calamaretti e provola affumicata: "Bianco su rosso" di Mark Rothko; per la rivalutazione estetica d'una semplice bicromia, l'emersione dei particolari più nivei all'interno del denso color field.

Trancio di pesce bianco in crosta di erbe aromatiche con variazione di clorofilla: "La firma in bianco" di Renè Magritte; per l'enigma dell'inconsueto, lo straniamento della certezza che genera un pensiero evolutivo.

Bavarese di pere, mousse di ricotta e sorbetto di arancia e zenzero: "Antitesi" di Victor Brauner; per il celato che sfugge alla visione superficiale, il misticismo spettrale dell'intimità.


INFO:
Località Marina d'Equa
Via Torretta 9
80069 Vico Equense (Napoli)
Tel. 081 802 8555
Prezzo: 100 euro circa a persona


20120717_135814

reclining-nude-1917-by-modigliani

20120717_140156

VrouwLiggendG

20120717_140616

ernst-vestizione-sposa

20120717_141154

1912_1_Tatlin2

20120717_141738

Ristoranti Campani - La Torre del Saracino

20120717_145321

Magritte - The Blank Check

212

antitesi brauner

20120717_143938

20120717_133416

20120717_135835

20120717_141222

20120717_143532

20120717_151835

20120717_143944

20120717_134558

20120717_134547

20120717_195137

20120717_132404

20120717_132311

20120717_131830

20120717_131644

20120717_131605

20120717_131549

20120717_131526

20120717_131513

20120717_132000

20120717_134636

20120717_194941

20120717_195002

20120717_195010

20120717_195126

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…