Gennaro Esposito, Gino Sorbillo, i panettoni e il baccalà




Col Natale alla porte i grandi pasticcieri s'industriano a creare il miracolo d'arte bianca che chiamiamo panettone. Ieri sera, al Grand Hotel Parker's, abbiamo assaggiato quello di Alfonso Pepe, tra i primi in Italia e superiore alla gran parte dei milanesi. Gennaro Esposito, chef della Torre del Saracino, ci ha poi mostrato alcuni pani fatti sempre con la farina Caputo: taluni conditi con baccalà mantecato, talaltri con ricotta e miele. Salvatore la Ragione e Vittoria Aiello, dello stesso ristorante, contribuivano a preparazioni e spiegazioni, mentre Gino Sorbillo offriva i suoi biscotti e Vincenzo Pagano moderava capace. Il pubblico numeroso ha di certo gradito compatto; prova ne sia lo spalancar di fauci ed occhi per ben due ore!


DSC_2184 DSC_2143 DSC_2144 DSC_2145 DSC_2147 DSC_2153 DSC_2159 DSC_2170 DSC_2171DSC_2046 DSC_2050 DSC_2057 DSC_2083 DSC_2084 DSC_2090 DSC_2109 DSC_2135 DSC_2138 DSC_2118 DSC_2072 DSC_2059 DSC_2177 DSC_2190

Commenti

  1. Grazie per la partecipazione e grazie per il capace. Alla prossima.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù