La Fattoria del Campiglione (Pozzuoli, NA)




RIASSUNTO: fresella al pomodoro (fresca e croccante; i pezzetti di sedano potrebbero non piacere a tutti, ma ampliano la gamma gustativa; le olive nere sono gradevoli, così come i pomodori coltivati nell'attiguo orticello da Luca, bravo maitre, nonchè protagonista del video); paccheri alla Genovese (ottima interpretazione del classico partenopeo: la pasta è al dente, il sugo denso e saporito, teneri i bocconcini di carne; bonus per il Parmigiano Reggiano di ben 36 mesi servito a latere); bistecca "95" di Black Angus del Kentucky (cottura perfetta; grande scioglievolezza; gusto delicato e suadente; peccato solo per il pepe un po'invasivo); notevole varietà di sali da tutto il mondo; buoni i taralli; cantina ricca e molto onesta (ottima scelta quella di regalare una bottiglia di Chianti da portare a casa per ogni altra bevuta al tavolo); personale cortese e mediamente qualificato; ambiente ampio e caratteristico; bonus per il parcheggio e il dehors con brace.


OPINIONE CONCLUSIVA: stavolta sono soddisfatto: il rapporto qualità/prezzo è interessante, le materie prime tutte di qualità, il personale sereno e non in affanno. In queste condizioni la Fattoria del Campiglione è senz'altro la braceria di riferimento di Napoli e provincia (la varietà di carni è impressionante), tuttavia non mi sento di escludere che questo risultato sia raggiungibile lontano dai week-end, dove tutte le caratteristiche positive hanno modo di esprimersi senza folla e confusione. Escludendo dunque i giorni di caos, risulta più semplice osservare la grande passione che i proprietari Michele e Nicola continuano a profondere nella loro creatura da quasi vent'anni.


INFO:
Via Vicinale Campana, 2
80078 Pozzuoli (Napoli)
Tel. 081/5263733
Prezzo: dai 35 euro a persona euro circa a persona (vini esclusi)



















































Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri