Passa ai contenuti principali

Don Alfonso 1890 (Sant'Agata sui due golfi, NA)




RIASSUNTO: gelato d'anguilla, caviale Oscetra, pasta alla rosa canina e battuto di erbe dell'orto biologico (esteticamente si presenta raffinato e coerente; il primo impatto è una piacevole esalazione odorosa, che lascia prevedere l'estasi sensoriale che da lì a breve pervaderà il gourmet; i sapori sono netti e si compensano a vicenda, senza mai superarsi del tutto, ma lasciandosi eternamente desiderare. In definitiva parlerei di un gioiello d'equilibrio); salsiccia di pezzogna, pistacchi, mozzarella, zucchine e tartufo nero con salsa candida (interessante il gioco di consistenze da cui affiora il sentore marino sospinto dalla salsa borbonica; ottimo connubio col tartufo, che, anzi, mi pare il deus ex machina che risolve l'intera portata); risotto ai sentori di cedro, ricci di mare, scampi, uova di salmone ed alghe marine (la cottura è perfetta, così come la mantecatura; gli agrumi carezzano con leggiadria il palato, mentre il riccio sprigiona una tale forza gustativa da sembrare ancora vivo; le uova di salmone arricchiscono un piatto già di per se' eccellente); cappelli di pasta farciti di maiale nero casertano alle spezie d'oriente e fonduta di parmigiano (la pasta è ben tirata e, in generale, il piatto risulta molto concreto senza mai perdere eleganza; si nota però una certa immediatezza rispetto alle portate precedenti più affascinanti e profonde); tonno, granella di pistacchi, intingolo di soia piccante e salsa ai peperoncini verdi (il tonno è scioglievole, saporito, ben sostenuto da una soia mai invasiva; i peperoncini sono funzionali all'alternanza gustativa, mentre i pistacchi aggiungono qualcosa in termini di consistenza; le rifiniture del piatto sono memorabili, in linea con le altre portate del percorso); filetto di manzo del beneventano in crosta di pane, fior di latte, guanciale con salsa verde e purea di pomodoro piccante (all'esterno c'è una croccantezza accattivante, che bilancia perfettamente la tenerezza della carne marezzata al punto giusto; il fior di latte accompagna con garbo donando una certa burrosità al risultato finale); spumone con liquirizia Amarelli, yogurt e cristalli di zucchero (dolce estremo per amanti della liquirizia; splendido esteriormente, esplosivo nel gusto); scultorea la piccola pasticceria; carta dei vini e distillati ricchissima e importante; personale cortese e qualificato; location storica, ambiente curatissimo.


OPINIONE CONCLUSIVA: Ernesto Iaccarino è senz'altro fra i primi tre chef in Campania, in virtù di una cucina raffinata, studiata nei minimi particolari, eseguita con grande precisione e criterio. Dietro ogni piatto c'è la volontà di creare qualcosa di unico e peculiare che resista senza difficoltà alla prova del tempo. Superato il fardello d'una solenne eredità non resta altro che porsi nuovi prestigiosi obiettivi e conquistarli quanto prima col supporto di una famiglia a dir poco straordinaria.


INFO:
Corso Sant'Agata, 11
Massa Lubrense (Napoli)
Tel. 081 878 0026
Prezzo: 115 euro circa a persona (vini esclusi)


Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

L'Albergo della Regina Isabella nacque negli anni ’50 ad opera del noto editore Angelo Rizzoli, che costruì la prima struttura su antiche rovine greco-romane con terme limitrofe. Il successo immediato lo rese un punto di riferimento per star del calibro di Maria Callas, Charlie Chaplin, Katharine Hepburn ed Elizabeth Taylor, nonché di tutta la movida ischitana.




La posizione privilegiata in riva al mare con una piccola baia, la pineta di contorno e la vicinanza col centro di Lacco Ameno hanno contribuito a sedimentarne il mito, ravvivato negli anni con nuove suite, centro benessere e ristorante gourmet. Quest’ultimo, creato nel 2009 col nome di Indaco, si fregia della stella Michelin fin dal 2013, grazie all’estro dello chef Pasquale Palamaro.



Già sous-chef nel ristorante tradizionale dell’albergo, Pasquale Palamaro muta registro nel 2004, quando la famiglia Carriero, attuale proprietaria del complesso, decide di festeggiare i 50 anni di attività con una serie di cene coi migliori ch…