Passa ai contenuti principali

Ristorante Fenesta Verde (Giugliano, NA)

RIASSUNTO: sartù di riso (giustamente servito come antipasto, come vuole anche il nome d'origine francese; il sapore è carico ma ben bilanciato; il riso è al dente e le polpettine fritte gustose e non untuose); tagliatelle al tartufo (ho scelto quest'improvvisazione per via della disponibilità del fungo e il risultato è stato soddisfacente per merito del burro di qualità e di una cottura perfetta della pasta); baccalà fritto (preparato a dovere: croccante fuori, piacevolmente umido e consistente all'interno; precisa la salatura); agnello al camino (succulento e cotto appropriatamente sul camino, che oltre a donare un sapore tipico crea atmosfera ricordando le antiche cucine delle nonne); tortino di pasta frolla con crema e amarene (la pasta è friabile e saporita, la crema densa, ma le amarene un filo dolciastre); cannoli alla siciliana (molto godibili giacchè preparati con cura, ma eviterei il retrogusto di mandorla); sfiziose le porzioncine di danubio, ma il pane si può migliorare; cantina ristretta ma molto onesta; personale cortese e mediamente qualificato; ambiente e location storiche all'interno della chiesa principale di Giugliano.


OPINIONE CONCLUSIVA: uno dei pochi ristoranti in cui mi rifugio con piacere quando voglio riscoprire gli antichi sapori della cucina napoletana: dalla minestra maritata ai maccheroncelli lardiati, per finire con le braciole a ragù o gli struffoli minuti e ben conditi. L'atmosfera casalinga mette a proprio agio anche il cliente più stressato, mentre le sorelle Iodice ai fornelli non sbagliano un colpo da tempo immemore.


INFO:
Vico Sorbo, 1
Giugliano (Napoli)
081 8941239
35 - 40 euro a persona




Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Il Faro di Capo d’Orso: la cucina francese di Pierfranco Ferrara nella Costiera Amalfitana

Anni cinquanta. Luigi Ferrara percorre ogni giorno il tratto Salerno-Maiori con la sua Fiat Balilla, accompagnando i turisti per i luoghi incantevoli della Costiera Amalfitana. C’è però un punto lungo la strada che lo affascina da sempre, Capo d’Orso, e siccome la routine non fa per lui, un giorno decide di cambiare vita e s’inventa un bar proprio lì, nel suo angolo di paradiso. Coinvolge tutta la famiglia al punto di trasformare dopo pochi anni il bar in un vero e proprio ristorante, che diventerà nel tempo punto di riferimento della zona. La svolta gourmet tocca però al nipote Pierfranco, che alla fine degli anni novanta abbandona la scelta di architettura e parte per un tour in terra di Francia, dove lavora nelle cucine di alcuni mostri sacri: Marc Veyrat, Michel Guerard, Dimitri Droisneau, Michel Rochedy. Tanta grazia lo cambia profondamente, e una volta tornato all’ovile si costruisce un proprio spazio all’interno della proprietà, perseguendo qualità e ricerca senza compromessi. Na…