Sud ristorante (Quarto, NA)

RIASSUNTO: Minestra di mare con verdura e frutta di stagione (intanto la presentazione estetica è molto accattivante; ottimo il guazzetto: delicato, morbido tra le papille gustative, ma saporito e bilanciato; riuscito anche il gioco di consistenze; non è tanto l'intensità del sapore che intriga, quanto piuttosto la sua ampiezza); tartare di vitello irpino con fichi e nocciole (anche questo curato dal punto di vista estetico; studiato il gioco di consistenze e il bilanciamento complessivo tra i sapori, anche se la carne si perde un po'nel resto); tagliolini con vongole, pomodori gialli e profumo di liquirizia (buona la pasta fatta in casa, cotta opportunamente; piacevole equilibrio tra i pomodori e le vongole che creano un condimento ben calibrato; la liquirizia non si avverte abbastanza per caratterizzare il piatto); spaghetti con ricci di mare e mozzarella di bufala (l'abbinamento è calzante, ma il sugo è troppo denso e il sapore dei ricci non è incisivo); triglia al cartoccio con colatura di alici (simpatica la presentazione; il pesce è carnoso e ben cotto; i due bicchierini di condimento aggiuntivo possono cambiare il piatto all'occorrenza donando un'alternativa al sapore base); semifreddo alla cassata, pistacchio di Bronte, salsa al passito di Pantelleria con gelèe alle pere e anice stellato (un po' confusionario nei sapori e troppo dolciastro per i miei gusti, tuttavia si lascia mangiare); grazioso il cioccolatino finale al lampone; cantina poco conveniente; personale cordiale e mediamente qualificato; ambiente moderno e curato.


OPINIONE CONCLUSIVA: Finalmente Marianna Vitale sembra essersi ripresa dopo un periodo non particolarmente chiaro sul significato intrinseco della sua cucina. Ora il menù è più coerente e basato sui prodotti del territorio; inoltre si avverte una certa semplicità nelle portate che non preclude una raffinatezza da ristorante gourmet. Spicca la creatività di alcuni piatti e, in generale, il senso di divertimento trasmesso da una cucina in cui traspare tutta la giovinezza della chef. I prezzi alla carta mi sembrano troppo alti, ma il menù degustazione da 40 euro ha davvero un buon rapporto qualità/prezzo.


INFO:
Via Santi Pietro e Paolo,8
Quarto (Napoli)
Tel. 081 0202708
50 euro circa a persona (vini esclusi)


Commenti

  1. ANDATE A COGLIERE LE ''PERCOCHE''

    RispondiElimina
  2. Ma Arsenio Lupin chi e' ? Pasquale Del Prete ?
    Condivido Anonymous.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri