Passa ai contenuti principali

L'etto (Napoli)

Domenico Cianflone, 78 kg di amministratore unico. Così recita il biglietto da visita di un giovane imprenditore napoletano che evidentemente punta molto sul peso. In effetti il suo ristorante in Via Costantinopoli a Napoli si basa proprio sul pesare ogni vivanda e pagarla 2.50 euro all'etto, indipendentemente dal fatto che si tratti di antipasto, primo o secondo. Il locale si chiama appunto «L'Etto» e  adotta una nuova formula che va incontro ad ogni esigenza: da chi vuol spendere poco a chi vuole saziarsi fino allo scoppio dei bottoni. Le portate vengono servite in un ampio buffet in cui le zuppe e la pasta sono tenute in caldo. Quando finisce qualcosa ci pensa la cucina adiacente a rimpiazzarla in pochi minuti, mantenendo l'offerta sempre fresca e variegata. Arista di maiale cotta a bassa temperatura, spezzatino con frutta secca, gnocchi fatti in casa, salsicce e friarielli sono alcune delle proposte, insieme a tanti contorni di tradizione partenopea ed alcune torte dolci e salate. Il proprietario, già vegetariano, è molto attento ai cibi biologici e cerca di procurarseli in misura sempre maggiore, anche se pare non ci sia grande scelta tra i fornitori in questo momento. Ad ogni modo la qualità è sempre assicurata, partendo da una buona base di olio esclusivamente extravergine di oliva e finendo con una selezione di vini conveniente e fuori dagli schemi. Due forni a microonde, posti nell'ampia sala dove gli avventori possono anche aggregarsi in un tavolo unico, servono a riscaldare le verdure o quant'altro non sia già sul fuoco; inoltre rendono esattamente l'idea che vuol dare Cianflone: un locale semplice, sincero, dove sentirsi come a casa propria e comportarsi in modo sciolto e rilassato, senza troppi formalismi. I clienti sono già numerosi e l'apertura di 24 ore su 24 tutti i giorni della settimana rende il posto altamente fruibile da avventori di ogni età e necessità. Acqua, servizio e coperto compresi nel prezzo sono la ciliegina sulla torta.



Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…