Passa ai contenuti principali

Ristorante Pensando a Te (Baronissi,SA)

RIASSUNTO: passatina di fagioli di Controne con bocconcino di mormora e guanciale nero casertano (la mormora è giustamente umida all'interno e gradevolmente carnosa; il guanciale porta la grassezza necessaria, mentre i fagioli un'appagante cremosità); tartara di tonno rosso del Mediterraneo con piselli, favette e punte d'asparagi (il tonno è molto delicato e senz'altro in sinergia con le verdure che danno freschezza e croccantezza; l'emulsione d'olio a parte aggiunge, volendo, una certa rotondità al piatto); mazzancolle di Castellabate arrostite con mozzarella di Bufala e spinacino di campo saltato (in questo caso gli elementi, ben preparati e dal sapore netto, sono talmente godibili di per se' che l'unione non sfocia in maggiore gradimento); totanetti di paranza arrostiti, farciti con broccoli friarielli paesani, spuma di provola di bufala affumicata e aria di limone su fonduta di patate di Montoro (interessante il gioco di consistenze e sapori, con la scottatura del totanetto che richiama l'amarostico dei friarielli; la fonduta di patate chiude il cerchio con morbidezza); raviolo di pasta all'uovo fatta in casa farcito di ricotta e maggiorana selvatica su ragù di polipetti (la sfoglia è sottile e delicata, così come il ripieno; peccato che il sugo molto carico copra il sapore degli altri elementi); risotto carnaroli mantecato con zucca gialla, seppioline di paranza arrostite e aceto balsamico di Modena I.G.P. (il riso è al dente, anche se l'avrei preferito con l'anima interna leggermente meno cotta; il sapore è troppo sbilanciato sulla dolcezza della zucca e l'aceto balsamico purtroppo non aiuta); ziti alla genovese con cipolla ramata di Montoro (belli da vedere e da gustare, ma il cacioricotta grattugiato al tavolo dà troppa sapidità e tende a spiccare sul resto, sarebbe il caso di dosarlo con più parsimonia); baccalà in umido con capperi, olive, pomodoro sponzillo e scarole (buono di qualità, ma troppo blando nel gusto; le scarole sono invece notevoli); cannoncino croccante farcito di ricotta e yoghurt di bufala (gradevole il ripieno, così come la lingua di gatto esterna, che avrei maggiormente gradito un po' più spessa); millefoglie scomposta con mela annurca, crema chantilly e amarene (riuscito in pieno il dessert che gioca sulla croccantezza di pasta sfoglia e rondelle di mela, con quest'ultima a contrastare col retrogusto acidulo; la chantilly è ben dosata e non grassa); buoni pani e piccola pasticceria; cantina piccola ma molto onesta; personale cortese e mediamente qualificato; ambiente curato.


OPINIONE CONCLUSIVA: lo chef Antonio Petrone sa il fatto suo, come dimostrano gli antipasti e i dessert interessanti e ben congegnati. Purtoppo primi e secondi non sono stati dello stesso livello, pur essendo piacevoli e davvero convenienti all'interno di un vantaggioso menù degustazione a 35 euro. Talvolta si compiono delle scelte per proporre piatti più vicini al gusto condiviso dalla maggioranza del pubblico; proprio per questo mi piacerebbe ritestare le capacità di Antonio senza che l'assillo di portare avanti un'azienda di proprietà lo induca a fare scelte talvolta generaliste. Ho la netta impressione che rimarrei positivamente colpito...


INFO:
Via dei Due Principati 40,
84081 Baronissi (Salerno)
Tel. 089-954740
Prezzo: 35 euro per il menù degustazione di 5 portate



Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù

1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”. Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso. Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotand…