Locanda Il Moera (Avella,AV)

RIASSUNTO: uovo di quaglia, curcuma, topinambur e mousse di baccalà (la curcuma sembra dominare il piatto, ma una volta saggiate insieme le componenti mostrano un discreto equilibrio); crudo di gamberi rossi lattuga ripassata e vellutata di cavolfiore (la vellutata è suadente; i gamberi sono piacevoli e conditi con un filo d'olio davvero delicato; la verdura completa con garbo, ma dovrebbe essere un pelo più croccante); uovo in camicia, asparagi, pecorino e marmellata di pomodoro (l'uovo è succulento e con gli asparagi ha un buon connubio; il formaggio è troppo saporito, più che gustarlo col resto sarebbe il caso di intervallarlo per resettare le papille gustative); risotto carnaroli con vellutata di piselli, cipolla ramata di Montoro caramellata e "caso muscio" (il riso è ben cotto; la mantecatura col formaggio è grassosa e piaciona, ma non all'onda; la crema di piselli dà una certa morbidezza, mentre la cipolla molto forte crea un contrasto deciso); baccalà con emulsione al limone, cicoria e ravanelli (la verdura stavolta è bella croccante; il merluzzo è carnoso e il limone è incisivo ma non invasivo); cestino di frolla composta di mirtilli, crema pasticcera e gelato al fior di latte (friabile la pasta frolla, il gelato è gradevole ma è soprattutto la composta di mirtilli a tenere banco); cantina minuta ma onesta; Diana Fierro, in sala, è cortese e professionale, location bucolica, ambiente accogliente.


OPINIONE CONCLUSIVA: di solito non gradisco la cucina degli autodidatti, ma quella di Francesco Fusco è una lieta eccezione. Lo chef, infatti, pur non brillando in tecnica e presentazione, prepara dei piatti dai sapori forti e caratterizzati, strizzando l'occhio al gusto dei neofiti gourmet, ma preservando un certo equilibrio nonchè una scintilla di contrasto quando serve.


INFO:
Via delle Centurie
Avella (Avellino)
Tel. 081 8252924
Prezzo: 30 euro circa a persona


Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri