Passa ai contenuti principali

Ristorante Pipero al Rex (Roma)

RIASSUNTO: appetizer (simpatici; mi hanno dato l'idea di un'ironica reinterpretazione dei classici stuzzichini da party); uovo, patate e tè (il piatto ha una morbidezza affascinante, data da un lieve contrasto fra le due creme di patata; le nocciole sotto amplificano il gusto ma spezzano in qualche modo la precedente alchimia, anche per via di una consistenza troppo aggressiva; la nota di tè è particolare e aumenta l'espressività del piatto; il tuorlo d'uovo è leggermente coperto dagli altri ingredienti); rigatoni broccoli e salsiccia (squisito; la verdura ha consistenza vivissima e la crema è suadente; la salsiccia è ben dosata e ha un leggero retrogusto che completa il piatto; il pecorino dà la marcia in più sia in termini visivi che gustativi); presa di maiale aglio e arancia (grande materia prima: il grasso del suino si scioglie in bocca; le due salse sono idonee, ma ho preferito quella agli agrumi per il maggiore contrasto con la morbidezza del Patanegra); panino di tiramisù (molto gradevole; stesso discorso degli appetizer: una rivisitazione svecchiante di un classico della cucina italiana ormai datato in quanto a pesantezza); yogurt, tamarindo e mandorle tostate (interessante nei contrasti ben costruiti; la mandorla non basterebbe a bilanciare la consistenza, ma il piatto sembra nondimeno completo); personale un po'freddo, a parte il vulcanico Alessandro Pipero che nel locale fa il bello e il cattivo tempo; ambiente curato; location centrale.


OPINIONE CONCLUSIVA: Luciano Monosilio è un giovane chef di cui sentiremo parlare. I suoi piatti sono caratterizzati da un'anima sbarazzina, ironica, talvolta irriverente, unita a un vigore gustativo molto spiccato, che li rende piacevoli e persistenti nella memoria. Alessandro Pipero, grande padrone di casa, ha l'esperienza giusta per valorizzare il giovane e farlo crescere; bisogna solo stare attenti a mantenere sempre i piedi per terra...


INFO:
Via Torino, 149
00184 Roma
Tel. 06.4824828
Prezzo: 70 euro circa a persona




Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…