Passa ai contenuti principali

Ristorante Marennà (Sorbo Serpico, AV) 2014




RIASSUNTO: idea di broccoli e salsiccia, impepata di cozze sui generis, crocchetta di baccalà e patate con maionese all'aglio, croccantino parmigiano e nocciole con ricotta al tartufo, cialdine di polenta (un inizio ricco di forme e sapori; ci si diverte parecchio); filetto di trota al “fumo”, crema al rafano, cipolla di Tropea e olio al mandarino (il pesce ha sapore delicato e affumicatura leggera, l'olio disidratato si scioglie in bocca dando una particolare sensazione gustativa; la cipolla dona croccantezza senza invadere i sapori; le uova di salmone impreziosiscono il tutto); "carne cruda...d’estate" con pomodoro, burrata e basilico (la tartare ha un gusto leggiadro; si lascia al cliente la scelta di come condirla, dai semini di basilico marinati con colatura d'alici, intriganti e consistenti, alla burrata che dona una morbidezza diversa; il pomodoro aggiunge l'acidità che rende il piatto perfettamente bilanciato); fois gras con pistacchi, arance e zagara (gradevolissimo al palato, coi pistacchi a dare consistenza e, contemporaneamente, ampliarne il gusto; l'arancia stempera al meglio la grassezza del piatto, già di per se' risolta con raffinatezza); zuppa di scarole, baccalà, uva passa e pinoli (bella sinergia fra le parti, col baccalà saporito e carnoso al punto giusto; la panna acida è dosata a dovere, mentre i pinoli tostati aggiungono una consistenza in più); Spaghetti con cipollotto nocerino, anguilla affumicata e mela verde (intanto il profumo è inebriante; ottima cottura della pasta; il piatto è gradevole, ma l'affumicatura in questo caso prevale sul resto: adatto agli amanti del genere); "tortelli come Nerano" (la sfoglia è tirata ad arte; la doppia farcitura con zucchine e formaggio dà una ricchezza notevole al piatto che diventa senz'altro porcelloso e godereccio; simpatiche anche le zucchine fritte a dare croccantezza); pollo con mais, caffè e pop corn (mais e pop corn ricordano la cucina statunitense, dove però il pollo è fritto, diversamente da quello in oggetto che, cotto nel forno, risulta tenero e non untuoso; il caffè è perfettamente dosato e funzionale); tartelletta alle nocciole, marmellata di latte, mousse al fondente e gelato al pralinato salato (godurioso; la pasta frolla è croccante, il cioccolato imperioso, il gelato ammiccante); cantina dei soli vini della Feudi di San Gregorio, con poche ma interessanti eccezioni; bonus per la possibilità di ricevere calici di vino abbinati ai piatti per 15 euro; personale cordiale e mediamente qualificato; ambiente molto moderno con grande cucina a vista.


OPINIONE CONCLUSIVA: Paolo Barrale è lo chef più sottovalutato in Campania. A mio avviso è tra i cinque migliori che abbiamo e trovo strano che se ne parli così poco sugli altri media. In questo momento, tra l'altro, gode in uno stato di forma eccellente, in pieno equilibrio fra creatività ed esperienza. Tra i pochissimi a creare piatti raffinati ma mai astrusi o distaccati, il nostro è anche un maestro formidabile, come dimostra l'ascesa dei suoi allievi Roberto Allocca e Luigi Salomone. Il menù degustazione a 52 euro ha il miglior rapporto qualità/prezzo dell'anno.


INFO:
Via Provinciale Turci, 1
83050 Sorbo Serpico (Avellino)
Tel. 0825-986666
Prezzo: 50 euro circa a persona


Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù

1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”. Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso. Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotand…