Passa ai contenuti principali

Emanuele Izzo di Piazzetta Milù

Che lo Chef sia fondamentale in un ristorante è senz'altro lapalissiano; meno lampante, invece, sembra apparire il lavoro che svolge il resto dello staff tra sala e cucina. I due ambiti devono rispettarsi, collaborare, dare continuamente il massimo per essere l'uno al livello dell'altro: senza quest'osmosi è impossibile raggiungere i livelli più alti. Oggi voglio parlarvi di Emanuele Izzo, maitre di Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia nonchè giovanissimo Delegato per la Penisola Sorrentina dell'Associazione Italiana Sommelier. Il ragazzo ha inseguito caparbiamente il suo sogno innamorandosi dell'enologia in maniera sempre crescente e appassionata, al punto di trovarsi fin d'ora tra i numeri uno del suo settore. Certo ci sono altri Sommelier sulla cresta dell'onda da tanti anni, come il bravissimo Gianni Piezzo della Torre del Saracino a Vico Equense per citarne uno, ma Emanuele compensa un'esperienza ancora da rifinire con entusiasmo e curiosità fuori dal cumune...contagiosi oserei dire. Nelle foto troverete i nuovi piatti del suo collaboratore Cristoforo Trapani, già vincitore del Premio Miglior Chef Emergente del Sud Italia, che seguo sempre con grande interesse e partecipazione. Le note che seguono, infine, le ha scritte proprio Emanuele, per condividere con noi le valutazioni sui vini della serata:

"Bianco del Borgo": Viognier 2013 di Tenimenti D'Alessandro. Uno dei più illustri interpreti di syrah in Italia si cimenta nella creazione di un vino bianco ispirato al Sud Est della Francia. Affinamento in acciaio per preservarne la freschezza e botte di terzo passaggio per perfezionarne la morbidezza. Acidi e minerali fusi in un armonia sorprendentemente indovinata.

"Terre di Giabbascio": Cataratto 2012 di Centopassi. Dal recupero di antiche terre confiscate alla mafia e convertite in vigneto nasce l'espressione di un uva a bacca bianca tipica della Sicilia nella provincia di Palermo. Affinamento sur liés, grande acidità che si esprime fra le trame di profumi di frutta fresca, fiori bianchi; chiude, nel finale, una garbata mineralità.

"Burlenberg 1er Cru" 2006 di Marcell Deiss.Basterebbe solo pronunciarne il nome...un produttore che ha fatto la storia vitivinicola di una regione se non di un'intera nazione negli ultimi anni. Un "bianchista" alsaziano, maestro della scuola biodinamica nel mondo,  estrapola dal terreno il territorio, facendolo annusare ed assaggiare in ogni sua rara etichetta. Con questo blend di Pinot (Noir e Beurot) esce fuori dai suoi già labili schemi: un vino rosso proveniente dal Burlenberg, vigneto atto a produrre rossi in una regione di bianchi. Come recita la sua retroetichetta: "Personnalitè puissante, à deguster comme le sang d'une terre et l'heritage des anciens: voicì un Grand Vin de Terroir".

"Tinto Tradition" Monastrell 2012 di Can Maymo. Spagna: Rioja, Valle del Duero, Priorat?! No. Ibiza! Pochi conoscono la presenza di vigneti in quest'isola famosa e festaiola, dove Can Maymo produce con uve Monastrell e aromatizza il prodotto con l'erba frigola (il nostro timo), che conferisce un aroma selvatico di macchia mediterranea piacevole e ben integrato con le restanti sfumature olfattive. L'abbinamento migliore è con piatti saporiti e ricchi di energia, ma necessità di palati curiosi e non omologati, che sappiano cogliere le caratteristiche culturali e territoriali di un luogo, oltre che  il lavoro di vignaioli coraggiosi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Il Faro di Capo d’Orso: la cucina francese di Pierfranco Ferrara nella Costiera Amalfitana

Anni cinquanta. Luigi Ferrara percorre ogni giorno il tratto Salerno-Maiori con la sua Fiat Balilla, accompagnando i turisti per i luoghi incantevoli della Costiera Amalfitana. C’è però un punto lungo la strada che lo affascina da sempre, Capo d’Orso, e siccome la routine non fa per lui, un giorno decide di cambiare vita e s’inventa un bar proprio lì, nel suo angolo di paradiso. Coinvolge tutta la famiglia al punto di trasformare dopo pochi anni il bar in un vero e proprio ristorante, che diventerà nel tempo punto di riferimento della zona. La svolta gourmet tocca però al nipote Pierfranco, che alla fine degli anni novanta abbandona la scelta di architettura e parte per un tour in terra di Francia, dove lavora nelle cucine di alcuni mostri sacri: Marc Veyrat, Michel Guerard, Dimitri Droisneau, Michel Rochedy. Tanta grazia lo cambia profondamente, e una volta tornato all’ovile si costruisce un proprio spazio all’interno della proprietà, perseguendo qualità e ricerca senza compromessi. Na…