Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

Nino Di Costanzo alla Pizzeria di Palazzo Petrucci

Immagine
Michele Leo e Lino Scarallo, rispettivamente pizzaiolo e chef di Palazzo Petrucci a Napoli, hanno ospitato lo chef bistellato Nino Di Costanzo del ristorante Il Mosaico a Ischia per una grande serata di joint venture gourmet. Le pizze in degustazione sono state le seguenti, mentre il dessert è stato affidato al maestro pasticciere Alfonso Pepe col suo Babà del Vesuvio:
Margherita classica.
Pizza ai sei pomodori (San Marzano, ramato, Pomodorino del Piennolo, ciliegino cotto nel forno a legna, datterino e pachino).
Montanara con crema di broccoli, provolone e peperone crusco.
Pizza al Blu di Bufala, fiordilatte, cipolla ramata di Montoro cruda, scarola e olio alle acciughe.
P.S. Se non vedete tutte le foto basta ricaricare la pagina.


Marchesi de' Frescobaldi alla Torre del Saracino

Immagine
Marchesi de’ Frescobaldi, storica azienda vinicola che detiene la maggior estensione di vigneti in Toscana con 1200 ettari e cinque tenute, ha scelto la Torre del Saracino per presentare in Campania le nuove magnum di Montesodi in tiratura limitata a 999 bottiglie. La loro particolarità è che espongono nell'etichetta le opere dei tre artisti, due tedeschi e un italiano, che hanno partecipato al Premio Frescobaldi, esempio di mecenatismo culturale sotto la direzione di Tiziana Frescobaldi, presente alla serata. Gennaro Esposito, chef della Torre, ha studiato questo menù per l'evento:

Mazzancolle cotto dolcemente, con insalatina allo zenzero e salsa del suo corallo. ("Leonia" Pomino brut 2011 Marchesi de'Frescobaldi)
Triglia in crosta di pane, salsa all'aglio di Nubia e pesto di uvetta e pinoli.
Minestra di pasta mista con pesci di scoglio e crostacei. ("Benefizio" Pomino bianco riserva 2012 Marchesi de'Frescobaldi)
Maialino nero Casertano con chu…

Ristorante Sartù (Napoli)

Immagine
RIASSUNTO: polpette al sugo (secche, conservate in frigo prima del servizio; il sapore non spicca e manca l'aglio); sartù di riso su ragù napoletano (il riso è scotto; l'interno è secco e il ragù troppo tirato peggiora la situazione; si nota uno sgradevole saporastro di burro di scarsa qualità); zuppa di fagioli neri e scarola con calamari e crostini aromatizzati (calamari congelati.....ma stiamo scherzando?); filetto di manzo con funghi e riduzione d'aglianico (la carne è ben cotta, ma risulta un po'secca e dal sapore piuttosto blando; i porcini sono congelati e fuori stagione); mousse alla nocciola di Giffoni I.G.P. (gradevole e non dolciastro: le nocciole di qualità fanno la differenza; comprato all'esterno, dunque non ascrivibile allo Chef); ambiente piccolo e accogliente con buona musica di sottofondo.


OPINIONE CONCLUSIVA: i dessert forniti dalla pasticceria Ratto di Fratamaggiore sono interessanti, nonostante vengano abbattuti. Mi auguro che tutto il resto si…