Passa ai contenuti principali

Ristorante Il Mosaico (Ischia)




CORALLO: si tratta effettivamente di uno scheletro calcareo marino sul quale è posto del parmigiano con sesamo e semi di papavero, un cannolo con cremoso di bufala, un sacchettino di maizena con pane, barbabietola e tonno, dei gamberi essiccati e croccanti, del riso soffiato al nero di seppia, degli spaghetti di riso fritti e una foglia di nastruzio. L'effetto scenico tanto appagante invoglia il gourmet a scoprire le più recondite sfaccettature della creazione.

PASSEGGIATA NAPOLETANA: un tuffo nei classici partenopei con l'intreccio di zucchine e branzino alla menta, la caprese pomodoro e mozzarella, la finta papaccella ricomposta, la parmigiana di melanzane, un cilindro nero di pane con burro e alici, la perla di burro di cacao con pomodoro, peperone e un centrifugato di cetrioli e sedano. Tanti piccoli appetizer che ripercorrono la storia della cucina di Napoli, rivisitati con grande raffinatezza.

STAGIONE DI MARE: un'insalata di mare scomposta, con scampi, gamberi bianchi, alici, vongole, calamaretti, bon bon di pane e cozze, spugne croccanti, acqua di polpo e calamari, verdurine, salsa di pomodoro, fagioli spollichini, patate viola. Un'esplosione di colori e sapori in cui ogni elemento è riconoscibile al gusto come tempera che spicca da una tavolozza d'artista. Notevole anche il gioco di contrasti e consistenze ricreato. Un piatto esaustivo curato nei più minimi dettagli.

RISO LIMONE: riso carnaroli mantecato con limone lavorato in cinque modi, limone pane di Procida, zucchine croccanti e gamberi rossi. Ottima la cottura del riso; l'acidità del limone è incalzante ma non invasiva, anzi, sapientemente bilanciata con le morbidezze presenti. I gamberi essicati aggiungono ulteriore spessore al piatto con diverso gusto e consistenza. 

RISO DI SEMOLA: pasta di semola disegnata a chicco di riso mantecata e cotta come un risotto, carbonara rivisitata e fettuccine di seppia. Il piatto è goduriosamente grassoso  e non contiene sale, visto che la sapidità è affidata alla polvere di nero di seppia essiccato. La salsa di pecorino stagionato è degna di nota.

FUMAROLE: un merluzzo cotto a vapore con erbe aromatiche all'interno di una pentola di rame contenente pietre roventi. L'idea è ricreare la cottura indigena di uova, patate e pollo sulla spiaggia delle Fumarole, che emana calore vulcanico. Il risultato è delicato, ma pregno di sentori aromatici e spunti gustativi.

BRANZINO ALLA BRACE: branzino confit avvolto in una panure di nero di seppia e carapaci di crostacei essiccati. Viene prima leggermente affumicato, in seguito posto su un braciere dove sarà irrorato da salsa citronette con aglio sbianchito ed erbe. L'accompagnamento è composto da purea di patate, spugne al nero di seppia, carote temperate e foglia di argento per ricreare l'idea del cartoccio. La panatura esterna è complessa nei sapori quando gradevole al gusto, mentre  la spigola all'interno risulta morbida e succulenta. 

VIETATO FUMARE: sigaretta nuova di cioccolato bianco e nocciola, sigaretta iniziata di fave di cacao, fiammiferi di anice, pacchetto di spuma di tabacco, mozzicone di menta. Una scultura più che un dessert, simbolo dell'incredibile sinergia tra lo Chef e l'ex Patissier, Antonino Maresca, ormai volato in Inghilterra.

SERVIZIO: chiaramente perfetto; la competenza si evince in ogni dove, ma soprattuto nei gesti di Serena Ni, probabilmente la migliore Maitre in Campania.

CANTINA: ricca e non banale.

LOCATION: un albergo da sogno, dove l'acqua termale del Gurgitello, una fonte posta dai Romani sotto la protezione del dio Apollo, sgorga in una piscina tra colonne e tritoni.


SOMMARIO: L'arte di Nino Di Costanzo è riconducibile al cromo-luminarismo di George Seurat. Così come l'artista francese componeva la tela con minuscole macchie di colore destinate a descrivere la scomposizione fisica della luce e la sua ricomposizione percettiva nella retina dell'osservatore, similmente l'artista ischitano compone i piatti scindendone gli elementi costitutivi in piccole monadi, in modo che ogni fruitore possa ricostruirne lo spirito intrinseco attraverso la propria intima visione del mondo.


INFO:
Hotel Terme Manzi Piazza Bagni 4
80074 Casamicciola Terme, Napoli
tel. 081/994722
Prezzo: 140 euro circa a persona (vini esclusi)


P.S.
Se non vedete tutte le foto basta ricaricare la pagina.


Commenti

  1. Chapeau per le materie prime..... ma il tutto è resto molto kitsch.

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo: Le sigarette poi sono il trionfo del cattivo gusto (chiaramente non intendo il sapore :))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…