Passa ai contenuti principali

Andrea Migliaccio, rigore tedesco e cuore mediterraneo



Il Capri Palace Hotel non è un semplice albergo di lusso, ma un’esperienza estetica fuori dal comune. Suite diverse tra loro e legate ai grandi artisti moderni, quadri e sculture di pregio, con le opere di Arnaldo Pomodoro all’ingresso e le creazioni di Giorgio De Chirico, Keith Haring e altri big a decorare hall e spazi comuni.
1 Allen Jones
1-1 De Chirico
1-2 Haring
All’interno di questo museo sui generis c’è l’Olivo, il ristorante dove lo chef Andrea Migliaccio ha ottenuto due stelle Michelin. Il giovane talento ischitano, nato a Lacco Ameno nel 1980, inizia la sua passione osservando la nonna cucinare per una famiglia numerosa, con tanto di conserve, lasagne e ragù. In seguito si diploma all’Istituto Alberghiero e inizia a lavorare con Nino Di Costanzo, all’epoca chef del “Miramare e Castello” a Ischia Ponte, dove impara a conoscere la cucina gourmet. Nel 2005, dopo alcune esperienze da Enrico Derflingher e Antonio Guida, entra nello staff di Oliver Glowig al Capri Palace e inizia a scalare la vetta. Nel 2009 viene promosso chef al Riccio, ristorante appena aperto dalla stessa proprietà, e prende subito una stella Michelin; l’anno dopo arriva l’occasione della vita, quando è chiamato a sostituire il suo maestro tedesco alla guida dell’Olivo. La scelta è lungimirante, tant’è che nel 2011 arriva anche la seconda stella, a premiare una maturità precoce unita a grande estro creativo.
2-1 olivo02
2-2 olivo06
2-3 terrazza L'Olivo
La degustazione inizia col mosaico di mare, un caleidoscopio di pesce e crostacei disposti su tre file: crudi, marinati e cotti. I sapori si alternano con grazia, e il gioco di temperature aggiunge un certo interesse a un percorso già piacevole. Tra i vari elementi spicca la tagliatella di seppia con erba cipollina, lime e bottarga.
3
3-1

Intermezzo con le verdure cotte e crude, tutte croccanti, rinfrescate da un sorbetto di pomodoro e contrastate in dolcezza da una melassa di fichi. A completare il piatto un centrifugato di erbe aromatiche che dona spessore.
4
L’uovo ha una panatura croccante e saporita, ma nasconde un cuore morbido, dal gusto suadente che si aggiunge alla cremosità delle patate. I funghi e il tartufo nero impreziosiscono il tutto con decisione.
5
Il foie Gras, marinato all’anice e lime, si caratterizza per una consistenza densa e una delicatezza spiccata. La dolcezza è affidata a due rondelle di cioccolato bianco e una crema di ciliege, mentre la base è di pasta brioche.
6
Il risotto risalta per cottura e mantecatura perfette. Il sapore non manca, essendo una “Puttanesca” rivisitata; dunque spazio ad acqua di pomodoro, datterini confit, olive, capperi disidratati e acciughe. Tanti elementi, ma un equilibrio lodevole.
7
Lo spaghetto con caciocavallo podolico, pepe lungo e tuorlo d’uovo marinato alle erbe è un primo più accessibile, ma ugualmente goloso e per nulla stucchevole. Una cacio e pepe di gran classe.
8
A onorare la tradizione ci pensano le candele spezzate al ragù con provolone di bufala, cipolla rossa e salsa all’aglianico, con il gusto a ricordare la classica “Genovese”, ma una maggiore complessità di elementi e consistenze.
9
Le cappesante sono scottate e condite con zabaione allo champagne, burroso e raffinato; gli asparagi danno croccantezza; le uova di quaglia e il caviale aggiungono sapidità e ricchezza al risultato finale.
10
Più sobria la spigola di lenza con cubetti di zucca, porcini e salsa al prezzemolo. Un piatto che punta al sapore verace del pesce senza mezze misure, con le creme a soddisfare le diverse esigenze gustative.
11
12
Il primo dessert è un cilindro di cioccolato fondente ripieno di cioccolato al latte e salsa mou. Una crema di arachidi dona imprevedibilità al piatto, mentre la polvere di liquirizia aumenta i contrasti. Pugno di ferro in guanto di velluto.
13
La Sacher è composta da vari strati di cioccolato arrotolati in un tronchetto, col sorbetto di albicocca a rinfrescare il palato e resettarlo per un ulteriore boccone goloso. Un dessert poco zuccherino che non fa rimpiangere la ricetta originale a cui si ispira.
13-1
DSC_2940
Andrea Migliaccio è chef dalla cucina solida, mediterranea, che utilizza le tecniche più moderne solo per migliorare il risultato, mai alla ricerca di sterili effetti speciali. I suoi piatti infatti denotano gusti bilanciati, per nulla irruenti, e pulizia estetica senz’altro apprezzabile.


Ristorante L’Olivo c/o Capri Palace Hotel
Via Capodimonte 14 – 80071 Anacapri (Na) – Isola di Capri
Tel. +39 081 978 0111

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Il Faro di Capo d’Orso: la cucina francese di Pierfranco Ferrara nella Costiera Amalfitana

Anni cinquanta. Luigi Ferrara percorre ogni giorno il tratto Salerno-Maiori con la sua Fiat Balilla, accompagnando i turisti per i luoghi incantevoli della Costiera Amalfitana. C’è però un punto lungo la strada che lo affascina da sempre, Capo d’Orso, e siccome la routine non fa per lui, un giorno decide di cambiare vita e s’inventa un bar proprio lì, nel suo angolo di paradiso. Coinvolge tutta la famiglia al punto di trasformare dopo pochi anni il bar in un vero e proprio ristorante, che diventerà nel tempo punto di riferimento della zona. La svolta gourmet tocca però al nipote Pierfranco, che alla fine degli anni novanta abbandona la scelta di architettura e parte per un tour in terra di Francia, dove lavora nelle cucine di alcuni mostri sacri: Marc Veyrat, Michel Guerard, Dimitri Droisneau, Michel Rochedy. Tanta grazia lo cambia profondamente, e una volta tornato all’ovile si costruisce un proprio spazio all’interno della proprietà, perseguendo qualità e ricerca senza compromessi. Na…