Passa ai contenuti principali

Antonio Mellino e il ristorante Quattro Passi a Nerano: la flessibilità del menu anche a 2 stelle Michelin




35 anni d’esperienza in quel di Nerano e due stelle Michelin. Questo il biglietto da visita di Antonio Mellino e la sua famiglia, ristoratori pronti ad offire una vasta scelta di piatti, dal più tradizionale pesce al sale all’innovativo spaghetto con ricci e gianduja, senza problemi di sorta. Perchè ciò che conta davvero è la soddisfazione di ogni cliente, a prescindere dalle portate in sé.

Ristorante Quattro Passi

Interni Ristorante Quattro Passi


Buongiorno Antonio, ci racconti dei tuoi inizi?

Ho iniziato da piccolissimo seguendo mio padre nel suo lavoro, prima come pescatore, poi a capo di un’azienda di commercio del pesce, in cui coinvolse tutta la sua famiglia. Imparando a riconoscere le materie prime migliori al mercato sei sicuro di portare ai clienti la massima qualità e questo fa la differenza. In seguito ho preso il diploma di scuola alberghiera e ho iniziato una lunga gavetta fra alberghi e navi, sia in sala che in cucina.
Antonio Mellino
Cucina Ristorante Quattro Passi

Poi cosa accadde?

Nel 1983 decisi di mettermi in proprio aprendo una piccola pizzeria nella mia Nerano. Avemmo subito successo e dopo pochi anni potei seguire il mio vero sogno di aprire un ristorante di grande spessore e senza alcun compromesso. Mi feci affiancare da grandi chef e iniziai a proporre dei piatti di nouvelle cuisine che non si erano mai visti in zona. Poi, senza chiedere aiuto a nessuno, abbiamo preso la prima e la seconda stella Michelin e operato varie collaborazioni in giro per il mondo. Attualmente abbiamo consulenze a Miami e Dubai.
Fusillone al riccio di mare, crudo di gamberi e crema pasticcera salata
Fusillone al riccio di mare, crudo di gamberi e crema pasticcera salata

Qual è il piatto di cui sei più orgoglioso?

Potrei dirtene tanti, ma il primo che mi sovviene è il pacchero con coccio e scorfano. Mentre tutti usavano la rana pescatrice per fare il sugo, mi venne l’idea di utilizzare dei pesci diversi e riempire la pasta con la loro polpa, in parte rosolata e in parte cruda. Fu subito un successo, anche utilizzando il formato della mazza manica.
Interni Ristorante Quattro Passi
Cantina Ristorante Quattro Passi

A chi hai affidato il futuro del ristorante?

Ho la fortuna di avere due figli splendidi e complementari. Fabrizio è più dedito alla cucina; ha passione, curiosità e, pur se molto giovane, un bagaglio di tutto rispetto alle spalle con esperienze da nomi importanti come Alain Ducasse. Raffaele invece preferisce la pasticceria, ma soprattutto è un grande organizzatore, cura le consulenze, gli approvvigionamenti e tutto il lato manageriale delle nostre attività.
Linguine alla Nerano, zucchine, basilico e pepe nero
 Gambero, umami e caviale

Dove sta andando la cucina contemporanea?

Quando iniziai c’era molta influenza francese, poi arrivò quella spagnola e adesso c’è un ritorno alle origini, a ricette e prodotti del territorio. I miei clienti, specialmente quelli internazionali ed esperti, mi chiedono spesso mozzarella fresca e insalata di pomodori. La via della semplicità è sempre vincente quando hai eccellenze così particolari e già saporite senza troppa manipolazione.
Antonio Mellino
Scottona ai carboni e tartufo

Qual’è il segreto del tuo successo?

La flessibilità. Se oggi viene un cliente da New York o da qualsiasi altra parte del mondo non deve subire nessuna limitazione nel menù. Per me fare ristorazione è accontentare in ogni modo chi si siede ai tavoli, che si tratti di pasta e pomodoro, di una pizza, fino ad arrivare ai piatti più elaborati e innovativi. Il mio unico obiettivo è garantire agli ospiti la migliore esperienza possibile in base alle loro necessità.
Ristorante Quattro Passi
Nerano 64 d.C.

Stai pensando alla terza stella Michelin?

Chi ristoratore ambizioso non ci pensa? Continuiamo ad investire nella struttura e nel personale dal primo anno di apertura. Ora che i miei figli stanno crescendo puntiamo ad evolverci ancora, a partire dal parcheggio sotterraneo che ho in progetto a breve. La strada è lunga, ma credo che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, migliorando giorno dopo giorno anche nelle piccole cose. L’importante è guardare sempre avanti e non arretrare mai di una virgola.
Ananas e cocco
Limone I.G.P.

Cosa consiglieresti a un giovane chef?

Intanto di studiare la materia prima del territorio e i metodi di cottura tradizionali. In seguito imparare tutte le tecniche più moderne e iniziare a creare i propri piatti senza guardare troppo televisione e riviste, ma traendo ispirazione in se stessi e nella propria passione. Di qui in poi migliorare costantemente impegno e concentrazione limitando esponenzialmente l’uso dello smartphone in cucina. Sai quanti chef ho visto rovinare da questo mostro dei nostri tempi?


Ristorante 4 Passi
Via Amerigo Vespucci, 13N, 80061 Nerano NA
Tel. +39 081 808 1271

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…