Passa ai contenuti principali

Ciro Scamardella è lo chef emergente d’Italia 2016



Ciro Scamardella è il nuovo Chef Emergente d’Italia il 2016 per Luigi Cremona. Il giovane talento, che al momento lavora nel Ristorante Metamorfosi di Roy Caceres, ha sbaragliato la concorrenza con piatti di tradizione rielaborati con garbo e criterio. Lo abbiamo intervistato al termine del concorso organizzato da Luigi Cremona e Lorenza Vitali.

Complimenti Ciro, partiamo dai tuoi maestri.

Il primo è stato Paolo Barrale, ma fondamentali anche Anthony Genovese, Martin Barasadegui ed ora Roy Caceres

Perchè hai partecipato al Premio Chef Emergente d’Italia di Luigi Cremona?

Non ho mai amato i concorsi, ma una fornitrice del ristorante dove lavoro ha insistito tanto da convincermi. Quando mi ci sono ritrovato dentro ho capito che i miei pregiudizi erano infondati e mi ci sono dedicato con tutta la passione possibile.
3

Come hai affrontato la sfida?

Sempre col sorriso. Nella vita ho imparato a prendere il buono da ogni cosa e imparare da ogni persona. In finale l’adrenalina impazzava, ma in fondo ero sereno, perché anche se avessi perso sarebbe stata un’esperienza memorabile.

Ci descrivi uno dei piatti che ti ha fatto vincere?

Di certo la fresella, che mia madre preparava spesso quando ero piccolo e mi è rimasta nel cuore. In questo caso ho aggiunto mozzarella fresca, un pomodoro in due consistenze, pane cafone sbriciolato e ripassato in padella, maionese d’acciughe, acciughe abbattute, tagliate alla julienne e condite con olio e sale.
2

Il tuo sogno nel cassetto?

Ricreare in Italia il Nordic Food Lab di Renè Redzepi, un centro per sperimentare le nuove frontiere del cibo in quanto a cotture, tecniche di preparazione etc e condividere i risultati con un team di giovani affiatati. Il progetto sta già nascendo e si chiama “Metaproject”.
4




Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…