Passa ai contenuti principali

Gennaro Esposito, nuovi piatti e intervista: “Proveremo a riportare la terza stella in Campania”




Buongiorno Gennaro, da quanti anni fai questo mestiere?

Sono più di trenta. Ho iniziato da ragazzino con mio zio pasticciere; mi affascinavano le sue mani che in pochi gesti creavano dei dolci così saporiti e apprezzati da tutti.
1 DSC_6277
1-1 DSC_6305

Perché hai scelto questo percorso?

All’epoca sceglievano tutti ragioneria per puntare a un posto fisso, ma non mi sono mai piaciute le strade facili, volevo e voglio mettermi costantemente alla prova con le sfide più ardite. Il cuoco in quegli anni era un lavoro poco stimato, ma era esattamente quello che cercavo, una vita non facile, per dimostrare il mio valore senza alcun tipo di scorciatoia.
2 DSC_6113

Il primo ristorante dove hai lavorato?

Si chiama Mustafà, a pochi metri da qui, dove ho iniziato preparando i crocchè di patate. Sono rimasto quattro anni in cui ho imparato tanto, fino ad arrivare al ruolo di sous chef. In seguito mi sono lanciato in tante importanti esperienze, fino ad aprire il mio ristorante all’età di ventuno anni.
3 DSC_6119

Che cucina proponevi all’inizio del tuo percorso da chef?

Ho iniziato con i piatti tradizionali della cucina partenopea, come gli spaghetti alle vongole o il pesce all’acqua pazza, finchè non ho creato la parmigiana di pesce bandiera, che ha cambiato le carte in tavola.
4 DSC_6149

Cosa aveva di tanto rivoluzionario la tua parmigiana di pesce bandiera?

E’ stato un piatto che hanno ripreso tanti miei colleghi chef e che si poteva replicare anche a casa. Fino ad allora il pesce bandiera veniva buttato, avendo pochissimo mercato. L’idea di dare dignità a un prodotto così bistrattato mi affascinava e ho voluto inserirlo in un classico come la parmigiana di melanzane, sostituendo proprio queste ultime.
5 DSC_6164

Dopo Alfonso Iaccarino sei stato tu a rinnovare ulteriormente la cucina campana, in cosa consiste la novità di Gennaro Esposito?

Alfonso Iaccarino è un esempio per tutti noi, sia dal punto di vista della cucina, che da quello imprenditoriale, essendo stato l’unico in Campania a prendere tre stelle Michelin. Non saprei dirti esattamente qual’è stato il mio contributo alla cucina della nostra regione, ma banalmente potrei dirti che ho focalizzato l’attenzione su nuove tecniche di cottura, su prodotti autentici e di primissimo livello, su sapori sempre più inconsueti, innovativi, concentrati.

Tre aggettivi per il tuo stile di cucina?

Sofisticato, comprensibile, persistente nella memoria.
6 DSC_6252

Che significato ha il ruolo dello chef al giorno d’oggi?

Quando ho cominciato io lo chef era considerato un perdente e mia madre mi sconsigliò vivamente di farlo. Oggi invece è diventato un mestiere di grande competenza, perchè devi garantire ospitalità, confort, guidare una squadra, a prescindere, ovviamente, dal dover rendere felici i clienti con i tuoi piatti. E’ un lavoro che non ammette maschere o finzioni, perchè i clienti se ne accorgono e perdi tutta la loro stima.
7 Torre del Saracino - Terrazzo superiore

Pensi che i tempi siano maturi per una terza stella Michelin in Campania? Ti senti fra i papabili?

Non spetta a me dirlo, ma certamente negli ultimi anni abbiamo fatto un grande lavoro di affinamento, a partire da una riduzione dei coperti, passando per il perfezionamento dei piatti al fine di renderli sempre più internazionali e finendo per offrire un’accoglienza ricca e ricamata sulle necessità di ogni singolo ospite. Credo che i tempi siano maturi per ambire a questo grande traguardo e ti confesso che è il nostro obiettivo primario da raggiungere nel giro dei prossimi due anni.
7-1 Torre del Saracino - Interno Torre
 7-2 Torre del Saracino - Interno sala

Ci racconti alcuni piatti dell’ultimo menù?

Sto iniziando a sperimentare i piatti vegetariani, che a mio avviso possono essere interessanti e saporiti come gli altri. Ad esempio ne abbiamo uno con finocchi, crema di mandorle e salsa di avocado, oppure un altro apparentemente più semplice con spuma di ceci, crumble al finocchietto e broccoli. In entrambi i casi ricerchiamo complessità e sfumature grazie alla tecnica e all’autenticità dei prodotti. Un altro piatto che mi intriga parecchio sono i cannelloncini ripieni di ragù napoletano, dove riduciamo in miniatura un classico della tradizione, per alleggerire una degustazione di sette, otto portate che altrimenti risulterebbero troppo pesanti.
8 DSC_6222
9 Chef Gennaro Esposito Si

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…