Passa ai contenuti principali

La creatività esplosiva di Michele Deleo al Rossellinis di Ravello




Ravello è conosciuta in tutto il mondo per le sue ville magnifiche, tra le quali spicca senz’altro quella che oggi prende il nome di Palazzo Avino. La struttura originale risale al XII secolo, ma varie ristrutturazioni l’hanno resa l’albergo di lusso che conosciamo oggi, con la terrazza panoramica, il centro benessere e il ristorante stellato a cura dello Chef Michele Deleo.
1
1-1
1-2
Quest’ultimo è molto noto per aver preso una stella Michelin al Buco di Sorrento, un’altra all’Accanto di Vico Equense e un’ultima proprio qui al Rossellinis, dove fu chiamato per sostituire Pino Lavarra. Tra le sue esperienze lavorative spiccano quelle a Parigi presso il Crillon des Gourmetes, il Côte d’Or du Saulieu e L’Astrance; a Monaco di Baviera presso il Tantris; a Londra da Le Gavroche.
2
2-1
2-2
La sua cucina si caratterizza per una tecnica esplosiva, capace di trarre il meglio dalle materie prime sia dal punto di vista gustativo, che da quello estetico. Ad oggi è fra gli chef più innovativi del panorama regionale e oltre.
2-3
La degustazione si apre leggiadra con un battuto di gamberi rossi rinfrescati dal lime e arricchiti da un cremoso all’avocado. L’insalatina di puntarelle dà una piacevole croccantezza e i funghi porcini quella nota vegetale che fa quadrare il cerchio nella maniera più opportuna.
3
Lo sgombro è già un piatto più irruente, con la forte marinatura ai lamponi, il cavolfiore contrastato in morbidezza con la sapidità delle acciughe del Cantabrico e un’aria al pepe Timut che aggiunge una nota piccante del tutto inaspettata.
4
Tonno e foie gras sono entrambi scottati e in seguito riuniti nel piatto con un brodo di castagne e un olio al mandarino, per un matrimonio gustativo perfettamente riuscito.
5 DSC_3556
5-1
La triglia alla Norma è un capolavoro, con le melanzane fritte ad avvolgerla, i pinoli e l’uvetta come ripieno e un ragù al finocchietto e cacioricotta su cui viene poggiata un istante prima del servizio.
6
Il risotto è cotto in un infuso di pomodori gialli Corbarini dal grazioso tono acidulo, mantecato in seguito col ricco fior di latte di Agerola e guarnito infine con una composta di limone amalfitano e dei frutti di mare crudi.
7
I rigatoni sono cotti in acqua di vongole veraci e serviti con una coulis di pomodoro piccante, della burrata, delle alici e un sugo al prezzemolo che li caratterizza con un bel colore verde acceso.
9 DSC_3602
Gli gnocchi, di piccola dimensione e grande fattura, sono fatti di pane arrosto e poggiano su un fondente di broccoli napoletani e una tartare di manzo a ricordare la salsiccia. Aglio bruciato e latte di provola contribuiscono a creare un equilibrio finale sorprendente.
9
Il raviolo, di pasta multicolore, è ripieno di coniglio confit e viene servito con un fondente di pecorino dolce, della spuma acciugata e alcune scaglie di tartufo nero uncinato che ne aumentano di parecchio la complessità olfattiva finale.
11
Il piccione è marinato alle erbe e cotto arrosto. A completare il piatto c’è del sedano rapa, del caviale alla curcuma, della carota glassata e un ristretto al caffè. Anche in questo caso i componenti sono equilibrati e contribuiscono insieme al raggiungimento di un risultato dalle innumerevoli sfaccettature gustative. Nota di merito alla cottura perfetta del volatile.
12-2
Il soufflè è perfetto dal punto di vista estetico, fantasioso nel gusto ai mirtilli e originale nell’abbinamento col gelato alla birra.
14
14-1
Ancora una volta Michele Deleo colpisce nel segno, con una cucina personale, innovativa e inconsueta, specialmente per il palcoscenico campano, da sempre legato ai grandi classici della tradizione. A mio avviso meriterebbe più visibilità e riconoscimenti di quanti non ne abbia ricevuti fin’ora.

Ristorante Rossellinis c/o Hotel Palazzo Avino
Via San Giovanni del Toro 28 – 84010 Ravello – Costiera Amalfitana
Tel. + 39 089 81 81 81

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…