Passa ai contenuti principali

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù



1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”.
1 booking7
2
Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso.
3 hotel-punta-tragara-62
4 booking3 (1)
5
Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotandosi di una SPA, di sei incredibili suites dagli stili più disparati e del ristorante “Monzù”, guidato da ben dieci anni dallo chef Luigi Lionetti, che garantisce continuità e progressivo affinamento dei piatti.
6 hotel-punta-tragara-85
7 Bon bon di gamberi, zuppetta di piselli, cremoso di mandorla, limone candito
Si inizia coi gamberi, plasmati in bon bon e conditi con zuppa di piselli, crema di mandorle e un pizzico di limone candito, che dà la giusta acidità a un piatto pensato per ingolosire ogni cliente.
8 Seppia, ceci, friarielli, N'duja
Più contrastato il secondo antipasto, con la consistenza della seppia cotta a bassa temperatura e trasformata in tagliatelle, la cremosità dei ceci, l’amarognolo dei friarielli e la piccantezza della N’duja. Grande sinergia fra le parti per un piatto davvero indovinato.
9 Tartare di branzino, erba cipollina, gazpacho di pomodoro
Il terzo antipasto è una tartare di branzino, condita con colatura di alici ed erba cipollina su un letto di gazpacho di pomodoro. Piatto semplice e genuino, adatto all’estate per via di una certa freschezza.
10 Scampi, zuppetta di arance allo zafferano, ricotta di bufala., bottarga di muggine
L’ultimo antipasto è formato da uno scampo cotto da un lato e crudo dall’altro, con una zuppetta di arance allo zafferano, della ricotta di bufala e un po’di bottarga di muggine a insaporire il tutto. Un’altra portata volta a valorizzare la materia prima senza stravolgerne i sapori.
11 Risotto agli scampi, limone, polvere di cappero, burrata, alghe di mare
Il risotto, mantecato con olio e burrata, viene condito con scampi, limone, polvere di capperi e alghe di mare, per un risultato equilibrato e piacevole alle papille gustative.
12 Spaghettoni di Gragnano, broccoli, vongole, crudo di tonno
Gli spaghettoni di Gragnano, molto accattivanti dal punto di vista estetico, sono saltati in padella con vongole e broccoli prima di essere composti sopra una tartare di tonno crudo. Il piatto funziona bene sia mangiando singolarmente le varie componenti che mischiando il tutto, in modo da palesarne l’alchimia.
13 Mezzi paccheri, ragù di totano, zucchine
I mezzi paccheri sono conditi con ragù di totano e vellutata di zucchine; un accostamento felice impreziosito da un’estetica vagamente botturiana.
14 Maialino nero casertano, mandorle, prugne e cipollotto nocerino in agrodolce
Squisiti il capocollo e la pancia di maialino, dalla cotenna croccante e il grasso morbidissimo. A corredare una carne già notevole di per sé troviamo mandorle, prugne e cipollotto nocerino in agrodolce.
15 Trancio di dentice, la sua emulsione, scarola maritata, aglio di Nubia
Il trancio di dentice viene scottato in padella e corredato di un’emulsione del suo quinto quarto, di una scarola maritata e di una salsa all’aglio di Nubia dal sapore vivace per via dell’alto tasso di allicina.
16 Agnello laticauda, topinambur, crumble al finocchietto, cappon magro
L’ultimo secondo è un agnello al forno con topinambur, crumble al finocchietto e salsa al cappon magro, piatto tipico ligure a base di pesce e verdure. L’abbinamento è particolare, ma il risultato è del tutto soddisfacente.
17 Lingotto alle mandorle e pere, cremoso al mascarpone, sorbetto di mango e curry
Il lingotto è un semifreddo alle mandorle e pere, arricchito da un cremoso al mascarpone e un sorbetto al mango e curry. Bello da vedere e mai noioso nel gusto, anche dopo parecchi assaggi.
18 Semisfera alle nocciole, frutto della passione, cacao
La morbida semisfera, servita a fine pasto, si caratterizza per il gusto deciso di nocciola, stemperato prontamente da un biscotto al cacao salato e un gelato al frutto della passione, che bilanciano all’istante sapidità e acidità.
19
Una cucina legata alla tradizione dunque, ma aggiornata con tocchi creativi per renderla effervescente e moderna, al fine di giungere a palati eterogenei, dal turista affascinato da un luogo maestoso, al gourmet pronto a cogliere le sfumature di un accostamento creativo e mai azzardato.


Ristorante Monzù presso Hotel Punta Tragara
Via Tragara, 57 – 80073 Capri (NA)
Tel. +39 081 8370844


Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…