Passa ai contenuti principali

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri


19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 



Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 



L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 



Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisana dopo esperienze con chef del calibro di Gualtiero Marchesi ed Heinz Beck. La sua cucina è di grande rispetto per le tradizioni culinarie del Regno delle Due Sicilie, da cui riprende alcuni piatti con grande maestria, ma personalizzati  da uno stile del tutto peculiare. Le basi francesi si notano eccome, a partire dalla fricassea fino al ragout, passando per l'appropriato utilizzo del burro di Normandia.


La degustazione parte con un mosaico di crudi di mare, su cui troneggia un tonno dalla marezzatura notevole che fa da base per ostrica, cannolicchio ed altri frutti di mare.


Si passa a una rivisitazione di un classico street food napoletano: 'O pere e 'o musso. Trattasi di piedini di maiale e testina di vitello, in questo caso compattati e attorniati di sott'oli, sott'aceti e caviale, per un contrasto più che opportuno. La maionese alle ostriche dona la giusta grassezza senza imporsi troppo. 


Ecco il risotto allo scoglio, un classico molto più recente della gastronomia campana, condito con una bisque di scampi e sormontato da cozze, totanetti ed altre creature marine.


Segue un altro tributo alla storia di Napoli, la "lardiata", un sugo che risale al 1700 composto da pomodoro, aglio e lardo, in questo caso servito con dei tubettoni e un fondo di crema tiepida ai fagioli borlotti, che rende il risultato ancor più goloso. 


I tortelli ripieni di funghi porcini, con spuma di prezzemolo e tartufo bianco di Alba deviano il percorso su piani più raffinati, ma senza perdere il sapore e l'equilibrio.


Si torna in Campania con i paccheri saltati nel burro e conditi col ragù, probabilmente la salsa più conosciuta della tradizione partenopea. L'esecuzione è perfetta e l'uso del burro ricorda l'origine francese del piatto.  


Più delicati gli scampi in crosta di pane con zuppa di cianfotta, notevoli per il gioco di consistenze e il gusto rarefatto. 


I totani con patate soufflè si fanno notare per un'estetica davvero intrigante, specialmente in relazione alla ricetta classica che li ha ispirati, storicamente senza fronzoli. Anche in questo caso troviamo degli elementi cotti con grande perizia e un gusto per nulla untuoso.  


Prettamente francese il pollo ruspante in fricassea, arricchito da funghi porcini, cavoletti di Bruxelles e uva fragola. La crocchetta impanata, creata dalla coscia, aggiunge ulteriore spessore a un piatto piacevole quanto strutturato. 


Non può mancare un assaggio di carne al ragù di maiale nero casertano, con polpetta, costina, pasta fritta e un contorno di friarielli, per dare quel tocco amaro a chiudere il cerchio.




Il fine pasto è affidato alla tarte tatin di mele annurche con gelato alla vaniglia, nonchè al babà con rum agricolo e gelato al sigaro; due classici deliziosi e preparati a dovere. 


Un gran menù pieno di tradizione, tecnica e creatività nel rinnovare antiche ricette traslandole in linguaggio gustativo moderno, al fine abbracciare i palati più eterogenei senza mai perdere di vista la missione di comunicare una cultura e un territorio da primato. 




Ristorante Rendez-Vous presso Grand Hotel Quisisana
Via Camerelle 2, 80073 Capri NA
Tel. 081 8370788

Commenti

  1. Buongiorno a tutti. Follow me on Twitter.com: prestitoitalia 💯 🇮🇹 @prestitoitalia 💯 🇮🇹. Ottieni il tuo vero prestito € senza protocollo in poche ore. Prestito reale e concreto senza busta paga da 2.000 a €100.000 da restituire in 10 anni al 3,5%. Prestiti con una certezza al 100%. E non finisce qui : se nella vita sei stao sfortunato e sei contrassegnato come cattivo pagatore con noi il prestito va a buon fine. Lasciaci un commento, saremo felici di risponderti: prestito.italia@libero.it

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…