Vadinchenia (Napoli)

PRO: pochi fronzoli per l'appetizer (zuppetta di tonno e lenticchie ),tuttavia funzionale; buono l'antipasto "Baccalando",variazione di baccalà e stoccafisso (promosse le versioni alla pizzaiola e con i peperoni,meno accattivanti quelle in bianco,troppo limone ,e fritto, troppa pastella; passabile la "mousse");ottimi i cavatielli (davvero al dente) al gorgonzola dop e frutta secca sminuzzata ,gustosi e ben legati;molto equilibrato e giustamente "al sangue" il filetto alla valenciana (cognac e gorgonzola);saporito ,nonchè preparato con dovizia, il baccalà alla siciliana (piacevolissime le olive di gaeta e i capperi) ;cantina fornita ed onesta (talvolta marcatamente);ambiente sobrio e pulito (forse lievemente datato); clientela molto discreta;personale cortese; patron cordialissimo.

CONTRO:i dessert,purtroppo,sono lacunosi in varietà e originalità; i distillati si contano con le dita (ma quel poco che c'è è offerto a prezzi vantaggiosi); troppo spesso mancano delle portate presenti nel menù.

GIUDIZIO FINALE: Pur con tutte le controversie del caso (sollevate in questa sede o altrove, dove ho anche sentito definire la sua cucina come "troppo" tradizionale, antiquata, obsoleta...), ritengo Vadinchenia una buona alternativa per mangiare in città, dove, troppo spesso, prolificano locali carichi di prosopopea, ma scarni di contenuti. Consigliato agli amanti del gorgonzola e, in generale, dei sapori tradizionali o rivisitati col medesimo, antico, ardore.

INFO:
Via Pontano, 21
80122 Napoli
tel 081 660265
prezzo : 35 euro circa a persona(esclusi vini)

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri