Passa ai contenuti principali

Gennaro Esposito: un nome, una garanzia...




Dicembre è stato un mese di alti e bassi dal punto di vista gustativo: ad esperienze memorabili si sono alternate sonore bocciature ed altri incidenti di percorso (per i ristoratori ovviamente; non certo per me...); al punto che ho pensato di inaugurare l'anno nuovo al meglio, regalandoci questa sontuosa anteprima, completa degli artisti dietro le quinte, di uno dei pochi Maestri della ristorazione italiana, se non mondiale: Gennaro Esposito della Torre del Saracino. Non elencherò i nomi delle portate, per lasciarvi intatta la sorpresa ovemai pensaste a una visita, ma tra breve mi dilungherò, per chi avrà voglia e tempo di leggermi, in alcune elucubrazioni metafisiche. Buona lettura!


27a


Soffermandomi su alcune considerazioni di Jean Baudrillard a proposito di Andy Wharol, ho scorto delle affinità fra l'arte del genio della pop-art e quella del grande Chef di Vico, in particolare riguardo l'enigma dell'oggetto che si offre in trasparenza totale, non lasciandosi naturalizzare dal discorso estetico.
Laddove la tecnica viene sfruttata per illudere, i nostri due amici ne svelano, invece, la pura illusione (la tecnica come illusione radicale), in un mondo in cui l'arte si è ridotta a idea critica e utopistica.
Dietro il (finto) snobismo di alcune portate in visione, apparentemente minimaliste o banali, si cela un potenziamento dell'oggetto, dell'immagine, del simulacro e, simultaneamente, un potenziamento del valore.
Considerato dal punto di vista del senso, il mondo è assai deludente; dal punto di vista dell'apparenza e dei dettagli, invece, è di un'evidenza perfetta. Tale è anche l'arte di Andy e Gennaro, straordinariamente ideata per filtrare il mondo nella sua verità materiale...


5a

3a

4a

7a

6a

8a

9a

15a

10a

16a

11a

17a

12a

13a

26a

14a

28a

1a

20a

21a

22a

23a

24a

18a

19a

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù

1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”. Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso. Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotand…