Passa ai contenuti principali

Ristorante Relais Blu (Massa Lubrense, NA)




RIASSUNTO: salmistrato di bufala con burrata, fichi e grissino al rosmarino (stuzzicante rivisitazione del classico prosciutto e fichi o mozzarella); ricciola in crosta di pane sul suo carpaccio, tartare di pomodori con spuma di provola affumicata e polvere di capperi di costiera (piacevole e delicata la parte cruda, anche se la scena è rubata dall'ottima tartare perfettamente bilanciata nei sapori, cosa non facile conoscendo la forza della provola affumicata; la ricciola cotta ha il pane croccante a renderla sfiziosa e sbarazzina); insalata tiepida di astice con salsa di fagiolini verdi, pesca, basilico e cracker ai crostacei (bella presentazione, ormai gli estremi dell'anno scorso sono un lontano miraggio; gradevole la consistenza del crostaceo, così come la sinergia coi fagiolini; i sapori di entrambi sono lasciati puliti e genuini, a tutto vantaggio del risultato finale; le differenti varietà di pesca rendono il piatto più variegato, ma la spinta acida di una delle due è un pelo eccessiva); tagliolini al basilico su battuto di gamberi di Crapolla con calamaretti e pomodori canditi (preparati a dovere e cotti al punto giusto, hanno il gusto pieno della miglior pasta all'uovo; calamari e gamberi sono piacevoli e aiutano l'estetica del piatto, ma non si uniscono sinergicamente coi tagliolini che spiccano per genuina semplicità); fagotti di pasta all'uovo ripieni di scorfano con ragout di peperoni e basilico (ottima la sfoglia, al punto da coprire il sapore del ripieno che viene ulteriormente relegato in disparte dai peperoni tanto gustosi); medaglioni di rana pescatrice bardati al lardo con peperoncini di fiume, stracotto di pomodori San Marzano e gelato al basilico (ottima preparazione di un abbinamento già riuscito tra mare e terra, impreziosito stavolta da un vigoroso stracotto di pomodoro, pienamente sinergico con gli altri elementi;  il gelato al basilico risulta vagamente appannato in tanta esplosione di gusto); caprese scomposta: bisquit morbido al cioccolato e olio extravergine d'oliva, bianco mangiare e granita al latte di mandorle (intanto la presentazione è da applausi; il biancomangiare è corposo e dolce al punto giusto; il cioccolato è leggero, piacevolmente amarostico ed elegantemente contrappuntato dal sale alla vaniglia; le mandorle sabbiate sono un simpatico richiamo mentre la granita è fresca ma non propriamente incisiva); cantina interessante gestita dal bravo sommelier Alessandro Scrivo; personale cortese e qualificato; ambiente e location da primato.


OPINIONE CONCLUSIVA: Finalmente Roberto Allocca inizia a mostrare di che pasta è fatto. Se la scorsa stagione è servita come prova generale al giovane Chef vincitore del premio miglior emergente d'Italia 2011, stavolta è scomparso ogni timore o esitazione per una responsabilità pesante quanto prestigiosa. Bando a piatti barocchi e parzialmente sfocati; la cucina attuale è finalmente solida, pulita, piena di idee e presentata con garbo e raffinatezza. Il posto è di una bellezza più unica che rara e i piatti di Roberto si sposano al meglio con tanta grazia.


INFO:
Via Roncato, 60
80061 Massa Lubrense (Napoli)
Prezzo: 60 euro circa a persona


Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Luigi Lionetti, lo chef dei Faraglioni che rivisita la tradizione caprese al ristorante Monzù

1920. L’ingegnere Emilio Errico Vismara decide di costruire una villa a Capri, proprio di fronte ai Faraglioni. Un panorama così esclusivo, insieme alla posizione privilegiata a picco sul mare, convincono il proprietario a contattare un vero e proprio genio dell’architettura internazionale. Entra così in scena Charles-Edouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto con lo pseudonimo “Le Corbusier”, e ne vien fuori un capolavoro, o come lo definisce l’artista: “una specie di fioritura architettonica, un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale”. Durante la seconda guerra mondiale la dimora viene scelta come base militare di inglesi e americani, arrivando a ospitare Sir Winston Churchill e il Generale Dwight D. Eisehnower, divenuto in seguito trentaquattresimo presidente degli Stati Uniti d’America. Nel 1968 il Conte Goffredo Manfredi acquista la proprietà e nel 1973 la trasforma in albergo di lusso. Da allora il Punta Tragara non ha fatto che crescere, dotand…