Passa ai contenuti principali

I nuovi piatti di Michele Deleo

Vento nuovo al Ristorante Rossellinis di Palazzo Avino a Ravello. Due giovani arrivi hanno rivoluzionato la sala con freschezza e vivacità: Stefano Amato in quanto maitre, Daniele Arcangeli ad occuparsi della sommellerie. La stella tuttavia è sempre lui, lo chef Michele Deleo. Già insignito di tale riconoscimento Michelin al Buco di Sorrento e all'Angiolieri di Vico Equense, il nostro scalpita per mostrare al pubblico la sua perizia estetica e ricercatezza gustativa. In effetti meriterebbe molta più attenzione per le sue creazioni fascinose e comparabili al meglio che gira in Europa. Questo il quanto alla forma, perchè se parliamo di sostanza la questione è leggermente diversa. Vicino alcuni capolavori in tutti i sensi, come la pasta e piselli o il ricordo del cannellone, esplosivi nel gusto quanto nello stupore visivo, altri piatti risultano più blandi, quasi a voler frenare l'estro dello chef, che invece è vivo e lampante. Se Michele riuscirà a mitigare quest'alternanza fra creazioni artistiche e splendido artigianato, allora sarà un delitto non fregiarlo di una seconda stella, quantunque la meriti fin d'ora per gli esaltanti risultati raggiunti ad oggi in carriera.


Amouse bouche

Gambero viola, insalatina di nespole, noci di macadamia, caviale di rucola al limone...

Idea per un carciofo marino alla brace: carciofo bianco di pertosa, lardo di totano, bottarga di muggine, pane alla carbonella e salsa menta.

Insalata di pasta, piselli e gambero gobbo.

Ricordo di un cannellone alla sorrentina di "bufala".

Pane, broccolo e salsiccia napoletana.

Baccala confit, centrifuga di asparagi, crema di mandorle di noto, pil pil al prosecco.

Piccione arrosto, arachidi, pesca noci e birra guinness.

Gel di cetrioli e gin , gelato allo yogurt greco, crumble all"olio evo, insalatina di  germogli di fave e piselli novelli.

Fusione: acqua di cioccolato bianco, granita di pompelmo rosa, caviale di cardamomo, tegolino croccante.

Sfera liquida al limoncello amalfitano.

Piccola pasticceria.


Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…