Passa ai contenuti principali

Crescenzo Scotti e il Flauto di Pan, raffinata cucina mediterranea nel secolare parco di Villa Cimbrone



1904. Ernest William Beckett, secondo barone di Grimthorpe, acquisisce uno storico complesso di Ravello e lo trasforma nel parco di stampo anglosassone più importante del Mediterraneo.
Aeree Villa Cimbrone 02.07.2013 ©Promovideo.tv
Shooting - Scotti - Modelli - varie situazioni
Passeggiando immersi nella natura più lussurieggiante possiamo scoprire ancora oggi una grotta, un chiostro, una cripta e soprattutto, un ampio terrazzo panoramico a picco sul mare che domina l’intera Costiera Amalfitana. La villa padronale prende il nome dal romano “Cimbronium” ed appartiene alla famiglia Vuilleumier dopo esser stata dimora nobiliare fin dalla sua fondazione intorno al 1200.
Fotografia di Roberto Vuilleumier
crescenzo scotti
Oggi vi troviamo un albergo di lusso con ristorante gourmet, Il Flauto di Pan, guidato dallo chef Crescenzo Scotti, allievo dei pluristellati Massimiliano Alajmo, Nino di Costanzo ed Emanuele Scarello.
6 Cappuccino d’astice con crema di patate e polvere al nero di seppia
Si inizia col cappuccino d’astice, un piccolo capolavoro di gusto e creatività, servito in un bicchiere trasparente per goderne appieno le varie stratificazioni di crostaceo scottato, crema di patate con salsa di soia e polvere al nero di seppia.
7 La nostra “pizza montanarina” con crudo di scampi al lime, burrata e pomodoro Corbarino
La montanarina è preparata con strutto e fritta in olio extravergine d’oliva a 170°. In seguito viene condita con burrata, pesto di basilico, crudo di scampi al lime e caviale italiano.
8 Polpo confit affumicato con agrumi, daikon marinato e mela verde (2)

L’affumicatore ai sentori di ciliegio nasconde un polpo cotto a bassa temperatura e condito con agrumi, daikon marinato, sorbetto alla mela verde e una purea di patate e cipolle.
9 Risotto Acquerello come una bruschetta
Il primo risotto, mantecato con burro di Normandia e Parmigiano Reggiano Vacche Rosse, è caratterizzato dalla maggiorana e guarnito con una spuma di pomodoro datterino, aglio e origano. Il crumble di tarallo d’Agerola aggiunge particolare consistenza a un piatto più che riuscito.
10 Risotto Carnaroli con gamberi rossi pesca Tabacchiera e bergamotto
Il secondo risotto viene mantecato col solo burro di Normandia e impiattato con buccia di bergamotto, gamberi rossi e pesca tabacchIera in cubetti. Un connubio di sapori forti e contrastanti che ammalia ad ogni boccone.
11 Cappelletti di semola Benedetto Cavalieri con ragù di seppia al nero su vellutata di cavolfiori allo zafferano
I cappelletti sono farciti con ragù di seppia e poggiano su una base di cavolfiore e zafferano, che dà una certa dolcezza e aromaticità. Al centro un turbante della stessa seppia, stavolta cruda, per arricchire il piatto dal punto di vista estetico.
12 Pasta di Gragnano al ragù di totano, baccalà friarielli e provola
I rigatoni, ripieni di totani e baccalà, sono ricoperti da una polvere di pomodoro e conditi con provola di bufala affumicata e crema di friarielli, per una nota amara degna di nota. L’argento edibile rende il piatto più luminoso.
13 Tortelli alla Genovese di bufala con ricotta affumicata, salvia spuma di verdure e cremoso di pecorino di Tramonti
I tortelli di ricotta e salvia, conditi con una salsa alla genovese e un cremoso di pecorino di Tramonti, sono posti su una una terrina di stracotto di bufala dalla crosticina esterna piacevolmente croccante.
14 Variazioni di ricciola all’acqua di mare
La ricciola è cotta a bassa temperatura, poi spadellata e servita su una salsa preparata con la sua lisca. Ai margini del piatto una tartare dello stesso pesce guarnita con asparagi e fiori eduli. Un piatto estivo leggero e delicato.
15 Carrè di agnello di Laticauda al foie gras mela Annurca e salsa al cioccolato di Modica
Il dorso d’agnello, scottato col burro, è abbinato al foie gras pacossato e alle mele annurche cotte nel vino rosso. Un secondo di grande personalità e intensità gustativa.
16 Fragola, fior di latte e cioccolato fondente (2)

La mousse e il gelato alla fragola, abbinati a una polvere di meringa, contrastano amabilmente il cioccolato fondente sifonato. Un crumble ai capperi chiude il piatto con la giusta sapidità.
17 La mia Ricotta e Pera
La ricotta e pera scomposta è formata da due strati: il primo creato con l’impasto delle frappe, il secondo con della mousse di ricotta arricchita da pezzetti di pera al vino. A completare il dessert c’è una spugna alla vaniglia su cui posa un gelato al pistacchio.
18 La Caprese, arancia e geometrie di fondente
La caprese è composta da un brownie al cioccolato su cui poggiano una mandorla tostata ricoperta di cioccolato e della crema al latte. A fianco troviamo un gelato alle mandorle e delle nocciole spezzettate.
Aeree Villa Cimbrone 02.07.2013 ©Promovideo.tv
L’estrema bellezza del luogo si sposa alla perfezione con la ricercatezza estetica dei piatti dello chef Crescenzo Scotti, abile nel curare i dettagli decorativi quanto quelli gustativi. Il maitre Eduardo Apostolo, in aggiunta, rende il desinare ancor più piacevole con modi garbati e professionalità lampante.


Ristorante Il Flauto di Pan presso Villa Cimbrone
Via Santa Chiara n 26, 84010 Ravello (SA)
Tel. +39 089 857459

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

L'Albergo della Regina Isabella nacque negli anni ’50 ad opera del noto editore Angelo Rizzoli, che costruì la prima struttura su antiche rovine greco-romane con terme limitrofe. Il successo immediato lo rese un punto di riferimento per star del calibro di Maria Callas, Charlie Chaplin, Katharine Hepburn ed Elizabeth Taylor, nonché di tutta la movida ischitana.




La posizione privilegiata in riva al mare con una piccola baia, la pineta di contorno e la vicinanza col centro di Lacco Ameno hanno contribuito a sedimentarne il mito, ravvivato negli anni con nuove suite, centro benessere e ristorante gourmet. Quest’ultimo, creato nel 2009 col nome di Indaco, si fregia della stella Michelin fin dal 2013, grazie all’estro dello chef Pasquale Palamaro.



Già sous-chef nel ristorante tradizionale dell’albergo, Pasquale Palamaro muta registro nel 2004, quando la famiglia Carriero, attuale proprietaria del complesso, decide di festeggiare i 50 anni di attività con una serie di cene coi migliori ch…