Passa ai contenuti principali

Gennaro Russo: un giovane di talento alla guida del ristorante La Sponda dell’Hotel Le Sirenuse



" Positano colpisce profondamente. È un posto di sogno che non vi sembra vero finché ci siete ma di cui sentite con nostalgia tutta la profonda realtà quando l’avete lasciato”. Questo scriveva il Premio Nobel John Steinbeck nel lontano 1953.
Coast-082
Italy - Campania
Dipl. Foto Designer
Molte cose sono cambiate da allora, ma il fascino di questa perla del Mediterraneo rimane assolutamente intatto. Un’altro passo dell’articolo di Steinbeck per Harper’s Bazaar ci introduce alla location in oggetto: “Andammo alle Sirenuse, una vecchia casa padronale trasformata in albergo di prim’ordine, immacolato e fresco, con una pergola sopra i tavoli all’aperto. Ogni stanza ha il suo piccolo balcone e spazia sul mare azzurro fino alle isole delle Sirene, dove quelle signore cantavano cosi dolcemente.”
Front View-11
2-1
Dipl. Foto Designer
C’è poco da aggiungere, la vista di Positano da queste camere è incredibile, ci sarebbe da perdersi per ore, anzi naufragare. All’interno dell’albergo c’è il ristorante La Sponda, 1 stella Michelin guidato dal trentenne Gennaro Russo.
3
Nato a Somma Vesuviana nel 1986, padre macellaio, frequenta la scuola alberghiera e inizia contemporaneamente a lavorare nelle cucine come stagista. La prima esperienza memorabile è con Alfonso Iaccarino, dove inizia ad apprendere i rudimenti gourmet. Prosegue la formazione con Matteo Temperini, che diventa il suo mentore. In seguito si trasferisce due anni in Francia dal mitico Alain Ducasse, dove arriva al grado di capo partita, e da Bernard Pacaud, dove impara l’arte della pasticceria. Nel 2014 Matteo Temperini lo richiama per il ruolo di sous chef e nel 2016 sostituisce il suo maestro come chef executive de La Sponda.
4
Il primo antipasto è uno sgombro marinato dal gusto forte e leggermente affumicato, stemperato da una zuppa di plancton marino e arricchito con alcuni fagioli all’uccelletto, per aumentare le consistenze.
5
Più delicata la ricciola confit all’olio nero, cotta alla perfezione e supportata dai fagiolini all’aceto di lampone che contrastano con garbo.
6
Bell’impatto estetico per gli scampi arrostiti, burrosi e succulenti, accompagnati da un raffinato flan di carote all’arancia sormontato dal sapido caviale Asetra.
7
Spicca per la nota vegetale il cavolfiore, ridotto a una cremosa vellutata, coi pezzetti di scorfano dal forte sapore iodato e il suo ristretto per insaporire ulteriormente.
8
Semplice ma efficace lo spaghettone con ragù di pomodorini gialli, col baccalà confit dalla consistenza accattivante e il sale al punto giusto. I broccoli baresi danno morbidezza al piatto.
9
Piacevolmente burroso il risotto alla robiola, con il petto e la coscetta di quaglia farcita al tartufo nero. Un piatto davvero ricco, dal sapore intenso.
10
Notevole fin dalla presentazione il rombo arrostito, reso più goloso dal lardo di Colonnata e arricchito con porcini, tartufo nero e una salsa al vino giovane.
11
L’astice blu è scottato e adagiato su un guazzetto di frutti di mare e fagioli di Controne, che non spostano l’attenzione dal gusto verace del crostaceo, ma fanno da elegante corredo.
13
Deliziosa la meringa agli agrumi, con crumble al limone e sorbetto al pompelmo per dare freschezza e acidità.
12
Più complessa la terrina di castagne e nocino, con cioccolato e ribes. Tanti i componenti, ma il risultato è coeso e riuscito.
14
 SONY DSC
Bravo e talentuoso il giovane Gennaro Russo. Rilevare un’eredità importante come quella di Matteo Temperini avrebbe preoccupato molti aspiranti, mentre questo ragazzo ha accettato la sfida con grande sicurezza e coraggio.


Ristorante La Sponda c/o Hotel Le Sirenuse
Via Cristoforo Colombo 30 – 84017 Positano (SA)
Tel. +39 089 875066

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…