Passa ai contenuti principali

Relais Blu, un angolo di paradiso nel punto d’incontro fra la costiera amalfitana e sorrentina



Un albergo da sogno al confine fra costiera amalfitana e sorrentina. Questo è il Relais Blu. In origine dimora dell’ingegnere Saraval, che la volle sullo stile di Frank Lloyd Wright, con tanto di cunicoli per l’aria condizionata naturale e un’immensa biblioteca di legno, di cui oggi restano alcuni volumi.
1
1-1
Dopo la scomparsa del suo creatore, la costruzione divenne un centro estetico fino agli anni 2000, quando la famiglia Acampora l’acquistò per creare il resort di lusso che conosciamo oggi, con tanto di ristorante gourmet e piscina panoramica riscaldata.
2
2-1
In effetti tutta la struttura vanta una vista incredibile su Capri, che da qui assume una singolare colorazione azzurra per via di particolari giochi di luce. Ultimo arrivo è la graziosa spa, dotata di bagno turco, doccia emozionale e sauna con finestra sul mare.
3
Alla guida del ristorante c’è dal 2013 Roberto Allocca, originario di Marigliano, che vanta esperienze nelle cucine di Enrico Derflinger, Alfonso Iaccarino, Paolo Barrale e Pino Lavarra.
3-2
Nel 2015 arriva anche l’ambita stella Michelin, a sottolineare il livello d’eccellenza raggiunto.
4
La degustazione si apre con le capesante, carnose e succulente, accompagnate dalla zucca grigliata, dal bel sentore affumicato, un soffice di capperi, che dona sapidità, e del tartufo nero per arricchire ulteriormente il risultato.
5

Il polpo è arrostito e poggia sul suo brodo, a cui vengono aggiunte delle verdure maritate e del provolone del monaco; una valida rivisitazione marinara della classica minestra maritata della tradizione campana.
6
L’agnello è tagliato in veli e marinato all’orientale, preservando un giusto punto di salatura e speziatura. Ad accompagnarlo un croccante di Grana Padano, delle acciughe di Cetara e un bon bon di stracotto che creano un gradevole gioco di consistenze.
7
Calda e vellutata la zuppa di patate, impreziosita da una sfera di Pecorino Carmasciano e dei broccoli ripassati.
8
 Gli spaghettoni, belli al dente, sono conditi con dei porri stufati e un pesto di noci sorrentine, ma si caratterizzano principalmente per la tartare di baccalà delicatamente aromatizzata allo zenzero e la punta di peperoncino fresco che regala una nota piccante inaspettata.
9

Gli ziti sono ripieni di robiola e serviti con un saporito ragout di faraona, appena sgrassato dai sentori di caffè e arancia.
10
Il dentice è scottato alla perfezione ed accompagnato dalla zucca in varie consistenze, dalla versione cremosa a quella marinata all’anice stellato e guarnita con del melograno in agrodolce.
11

La rana pescatrice è sobria nella presentazione, ma interessante nel gusto, largamente caratterizzato dal guazzetto allo zafferano e dalla brasatura dell’indivia belga.
12
L’agnello laticauda è servito in tre variazioni: la costoletta, la salsiccia e la pancetta, tutte correttamente eseguite e cariche di gusto. La scarola ripassata è un contorno in armonia, mentre le pere arrostite e la salsa di ricotta e nocciole creano un’alternativa intrigante al sugo di carne.
13
La tarte tatin è deliziosa, dolce al punto giusto e accompagnata da mousse e sorbetto alle mele per un riuscito contrasto caldo/freddo.
14


Tre cioccolati caratterizzano il secondo dessert: bianco con zenzero per il semofreddo, al latte con Pernod per la mousse, fondente per il sorbetto. L’insalatina di finocchi guarnisce con creatività un dolce davvero peculiare.
15
Il soufflè, dall’aspetto magnifico, è la quintessenza dei limoni di Massa Lubrense, di cui amplifica aromi e sentori con grande delicatezza.
16
Lo chef Roberto Allocca fonde con garbo prodotti tipici del territorio ed elementi innovativi, creando una riuscita ed appagante sintesi di sapori.
17
17-1
Il panorama mozzafiato aggiunge ulteriore valore a un’esperienza gustativa piacevole e interessante.


Relais Blu – Boutique Hotel & Restaurant
Via Roncato 60 – 80061 – Massa Lubrense (NA)
Tel. +39 081 878 9552

Commenti

Post popolari in questo blog

Stefano Mazzone, il monzù trevigiano alla corte del Grand Hotel Quisisana di Capri

19° secolo. Il medico britannico George Sidney Clark fonda un sanatorio sull'isola di Capri, chiamandolo "Quisisana". Nel 1861 trasforma la struttura in albergo, ma alla sua dipartita gli eredi sono costretti a venderlo al maggiordomo Federico Serena, che in seguito sarebbe divenuto sindaco dell'Isola. 


Vari proprietari si sono succeduti, fra cui il magnate tedesco Max Grundig, fino a quando, nel 1982, la famiglia Morgano acquista l'immobile che, finalmente, passa in mani capresi.  Ad oggi il Quisisana ha ospitato sovrani, attori, scrittori, industriali ed è divenuto un vero e proprio punto di riferimento di Capri, potendo ospitare fino a trecento persone con duecento e più dipendenti. 


L'Hotel può vantare un centro bellezza, piscine interne ed esterne, campi da tennis e un ex teatro divenuto salone delle feste. I ristoranti sono tre: il Quisi, la Colombaia e il Rendez-Vous, gestiti dallo Chef Stefano Mazzone. 


Trevigiano di genitori siciliani giunge al Quisisan…

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Creare un parallelo tra cibo ed arti visive? Certo che si può fare, ma solo con creazioni splendide come quelle del grande Mauro Uliassi, fresco 3 stelle Michelin!




Gamberi rossi, acqua di limone, melone invernale e polvere di semi - “Danae” di Gustav Klimt: per la burrosa sensualità impreziosita da sfumature esotiche d'aureo splendore.




Mozzarella di bufala di Pian del Medico - “Gatto circondato dal volo d'un uccello” di Juan Mirò: per la ricchezza di particolari mai confusi, ma coadiuvanti all'improvviso shock emozionale.



Canocchie ”nbriaghe” all‘anconetana - “Donna in camicia” di Andrè Derein: per la disomogeneità dei colori che scinde l'opera in opposte dimensioni sensoriali contribuendo a svelare la nuda intimità della protagonista.


Oca laccata al tè di ciliegie, fegato grasso d’oca, mirtilli, lamponi e ananas - Anatra di giada cinese dell'epoca Ming: per la ricomposizione virtuosa di due elementi non propriamente unitari nonostante la compartecipazione originaria a…

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri

Manuele Cattaruzza nasce a Iesolo nel 1976, da una famiglia di ristoratori dall’attività pluridecennale. Dopo l’Istituto alberghiero lavora a Venezia e Cortina, ma è l’incontro a Roma con lo chef Enrico Derflingher che gli cambia la vita, introducendolo nel mondo gourmet. Dopo alcuni anni col maestro vola a Londra per un’esperienza in cucine internazionali, per poi tornare in Italia e precisamente al Quisisana di Capri, come secondo dello chef Mirco Rocca. Il percorso di formazione continua a Milano in un ristorante giapponese, ma l’amore per Capri è talmente forte da riportarlo sull’Isola alla guida del ristorante del Tiberio Palace Hotel. Nel 2014, infine, trova la giusta dimensione al ristoranteZiqù dell’Hotel Villa Marina, dove esprime tutto il suo bagaglio culturale in una cucina mediterranea perfettamente equilibrata fra proposte di mare e di terra. Il ristorante Ziqù è ubicato all’interno dell’Hotel Villa Marina, nato nel 2008 dalla ristrutturazione di un edificio dei primi de…