Maxi (Vico Equense, NA)

RIASSUNTO: Parmigiana di pesce bandiera (gradevole, ma il pomodoro è un po'slegato dal resto); tonno scottato alle erbe aromatiche con caponata napoletana, biscotto d' agerola, pomodoro, olive e pesto di basilico (buone le varie componenti [nonostante il rosmarino aggredisca la delicatezza del pesce], ma lacunosa la sinergia tra le parti); panzarotto di alici con fiordilatte vicano e insalata di scarola riccia, asparagi bianchi, finocchi alla julienne (moscia la panatura; decisamente salata l'acciuga messa a sorpresa nel contorno); tortelli capresi, farciti con mozzarella di bufala e aromatizzati alla maggiorana (la sfoglia è troppo spessa e il pomodoro non è esaltante, tuttavia il risultato è di una mediocrità benevola); pasta e patate con astice e provola affumicata (la pasta è quasi cruda e l'olio, quantunque d'ottima qualità, sovrasta tutto il resto [sia l' astice, che parrebbe interessante, sia la menta; talmente presente da competere con la premitura d'oliva, in quanto a elemento sfaldante equilibrio]); totanetto farcito con scarole e pane raffermo, in guazzetto di pomodoro e patate, servito con tempura di melenzane (orrore! Bendate gli amici Giapponesi) e calamaretti fritti (tutto, dal primo all'ultimo elemento, esprime preparazione vagamente semplicistica); trittico di fragola: “fior di”, sorbetto e gelatina (non commento, perchè talmente inferiore al resto, da pregiudicarne la quotazione al ribasso); sfogliatella scomposta (senz'infamia e senza lode, ma, per carità, non scomodiamo la leggendaria versione “composta”); piacevoli le lingue di suocera, meno i pani assortiti, secco il pane cafone; carta di vini e distillati corpose, ma scarsamente convenienti; ambiente poco affascinante; personale estremamente cordiale e preparato.

OPINIONE CONCLUSIVA: location, servizio e mise en place assolutamente eccellenti; cucina nettamente inferiore al resto. Cotanto spiegamento di mezzi meriterebbe genio e talento, non può contentarsi del solo mestiere, mediocre o scaltro che sia. Seduta stante il risultato lascia troppo a desiderare.

INFO:
Hotel Capo la Gala
Via Luigi Serio, 8
80069 Vico Equense (Napoli)
Tel. 081 8015758
Prezzo: 75 euro a persona (vini esclusi)

Commenti

Post popolari in questo blog

Mauro Uliassi, il nuovo 3 stelle Michelin italiano

Pasquale Palamaro, la passione per il mare e un’irrefrenabile fantasia s’incontrano al ristorante Indaco

Manuele Cattaruzza e la sua cucina di terra controcorrente nell’isola di Capri